Flumeri: amianto, sequestrata parte dell’area dell’accumulatore Terna

pa_banner

FLUMERI (AV) – Dopo il fermo di ieri dei lavori, per via del ritrovamento di una non trascurabile quantità di amianto, scatta il sequestro parziale del cantiere aperto per la costruzione dell’accumulatore Terna a Flumeri.

Il provvedimento è stato disposto dagli agenti del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Castel Baronia, dopo numerosi controlli eseguiti nelle ultime quarantott’ore sull’area interessata. Gli agenti della forestale hanno riscontrato un sospetto smaltimento illecito di amianto sotto forma di eternit, frammisto a terreno vegetale e trasportato, a mezzo di camion di una ditta privata dal cantiere Terna ubicato nella zona industriale del comune di Flumeri. Addirittura, gli inquirenti sospettano l’interramento, già da diversi anni, a pochi metri di profondità, di un consistente capannone agricolo, realizzato appunto con copertura in eternit. Per i campionamenti di rito, sul posto è intervenuto anche personale dell’Arpac, allertato proprio dalla forestale. Al momento gli esiti degli esami sui campionamenti eseguiti non sono ancora noti, anche se i sospetti della presenza di amianto sono tangibili, visti gli evidenti e numerosi frammenti di eternit rinvenuti all’atto dei controlli. Per tali fatti gli agenti del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Castel Baronia hanno proceduto, su indicazione della Procura della Repubblica di Benevento, competente per territorio, al sequestro parziale dell’area di origine delle movimentazioni sospette.

Il sequestro preventivo di una parte dell’area però non ha compromesso il cronoprogramma dei lavori. Preoccupazioni, piuttosto, sono emerse sulla pulizia delle falde acquifere che percorrono la valle approvvigionando i campi di produzione biologica e i pozzi del Consorzio di Bonifica dell’Ufita.