Marina Berlusconi e la politica: Oggi no, domani chissà

pa_banner

MILANO – “Oggi no, un domani chi lo sa”. Marina Berlusconi lancia messaggi criptici. Un passo avanti rispetto ai “non ci penso proprio” di qualche mese fa. 

In un’intervista concessa a Daniele Manca del Corriere della Sera, la figlia dell’ex capo del governo difende suo padre a spada tratta (“Mio padre aveva perfettamente ragione a ripetere che il problema dei problemi di questo Paese è che con le attuali regole non si riesce a governarlo” e “ha subito in vent’anni una persecuzione giudiziaria senza precedenti, è stato il bersaglio di organi di informazione che dividevano con un gruppo di toghe ideologie, interessi, obiettivi”), attaccando Matteo Renzi e la sinistra: “Fin da piccoli – afferma – ci insegnano che un libro non si giudica dalla copertina, ma solo dopo averlo letto. Renzi si è presentato bene, niente da dire. Le immagini e le parole giuste. Il solo fatto che abbia conquistato il Pd suona come la negazione di quello che la sinistra ha fatto e predicato in questi vent’anni, la certificazione della sua sconfitta”.

Nessuna carezza neanche verso Alfano e i fondatori del Nuovo Centrodestra: “Queste persone – dice Marina Berlusconi – hanno innanzitutto tradito se stesse e la propria storia. Consegnandoci una granitica certezza: l’unica cosa in cui sono grandi è la mediocrità”. Il finale, però, è dedicato alla politica. Punzecchiata dal collega Manca su un eventuale impegno, risponde in maniera differente da sempre: “So che nella vita non si può mai escludere nulla. Oggi è così. Un domani, se capitasse, la politica, chissà…”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.