Nomine, Moretti verso Finmeccanica. Delrio: Parità di genere

ROMA – A Palazzo Chigi si susseguono i vertici per le nuove nomine delle partecipate. La notizia di giornata è la improvvisa risalita delle azioni di Mauro Moretti, ad di Ferrovie dello Stato, nella corsa al vertice di Finmeccanica. 

Sembrano lontani i giorni della polemica sul taglio, evocato da Renzi, delle retribuzioni dei manager pubblici, quando Moretti minacciò di andare via dall’Italia. E d’altronde è risaputo che lo stesso Renzi avrebbe voluto il numero uno di Fs al vertice del dicastero dello Sviluppo economico. DUnque, al netto della questione-stipendi, non sorprende che il presidente del Consiglio abbia pensato a lui per la guida della maggiore società industriale italiana, con oltre 70mila dipendenti tra holding e controllate. 

La nomina non è ancora ufficiale, ma potrebbe giungere nel giro delle prossime ore, quando verranno risistemati un po’ tutti i tasselli relativi ai vertici delle società a partecipazione statale, cioè quelle controllate dal Tesoro. Eni, Enel, Terna e Poste. Consigli di amministrazione e ruoli di comando che valgono oltre 600 poltrone: politica, certo, ma anche una ghiotta opportunità di riformare e migliorare la classe dirigente. Un punto fermo nella scelta delle nuove figure apicali, come ha affermato lo stesso sottosgretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, sarà la parità di genere. “Il governo si propone una rivoluzione culturale attraverso la promozione di manager uomini e donne in egual misura. Una parità di genere – ha spiegato Delrio – per colmare un ritardo dell’Italia che è di almeno 30 anni”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.