Flumeri, prosegue la costruzione dell’impianto di accumulo di energia. La cittadinanza gioca le ultime carte

FLUMERI (AV) – Nonostante il maltempo, che con continui rovesci di pioggia da giorni incombe in valle Ufita, l’impresa appaltatrice dei lavori per la costruzione dell’impianto di accumulo di energia Terna, prosegue i lavori a ritmo serrato.

Sono in fase di costruzione i muri di contenimento lato monte di una delle due aree su cui si svilupperà l’impianto. Infrastrutture che considerata la loro grandezza, testimoniano che Terna ha messo in conto di portare a termine tutto l’impianto, nonostante le proteste della popolazione flumerese e di quella dei paesi limitrofi.

Proprio la cittadinanza, però, ha deciso di non alzare ancora bandiera bianca. La protesta infatti non segna soste. Il comitato sorto inizialmente, e denominato “No Terna“, si è trasformato nel frattempo in Associazione Ambientale,  costituendosi pubblicamente domenica scorsa 16 giugno, presso la Sala Convegni di Flumeri. Quest’associazione ha deciso di battezzarsi con il nome “Madre Natura” e si propone come scopo associativo quello della salvaguardia del territorio. Presidente è stato nominato il Dott. Pinuccio Guerriero. La nuova associazione, come ci è stato riferito da ambienti vicini al Partito democratico flumerese, è sorta anche per ovviare alla mancanza di supporto dei partiti politici cittadini.

Nel frattempo, il Comune di Flumeri, costituitosi parte civile contro Terna, è in attesa che sia sciolta la “riservata“ del Giudice del Tribunale di Benevento in merito al difetto giurisdizionale, avanzata dai legali di Terna. Stando a quanto abbiamo appreso da ambienti giuridici, tale decisione dovrebbe arrivare a breve.