Calciomercato: Napoli trema per Higuain. Ma quanto c’è di vero?

NAPOLI – Una girandola di indiscrezioni, notizie, rivelazioni, strategie. Marca, giornale spagnolo tradizionalmente vicino ai colori blaugrana del Baecellona, ha gridato e ripetuto ai quattro venti: “Higuain va al Barça: accelerata nelle ultime ore, si tratta sul prezzo”.

Da Napoli hanno smentito seccamente con un cinguettio, definendo la notizia della trattativa “destituita di ogni fondamento”. Cosa c’è di vero in tutto questo? Potrebbe esserci l’aria fritta, dal momento che il calciomercato non va mai in vacanza (neanche in tempi di Mondiale), e quindi neanche i procuratori. Potrebbe esserci di vero che proprio il procuratore del Pipita, attraverso qualche intermediario, abbia sondato il terreno per prendere una nave che solchi il Mediterraneo e da Napoli porti alle rive della Catalogna. Potrebbe esserci di vero che il Napoli abbia realmente respinto un assalto della società azulgrana. Potrebbe esserci di vero che lo stesso Higuain abbia voglia di cambiare aria. 

Oltre alle rivelazioni di Marca e alla smentita del Napoli, l’unico punto fermo di questa vicenda restano le dichiarazioni che stanotte Gonzalo Higuain ha rilasciato al termine di Argentina-Bosnia, il cui corso è stato cambiato proprio dal suo ingresso in campo: “Certo che mi piace giocare al fianco di Messi, lo faccio già in Nazionale. Adesso però la mia testa è rivolta al Mondiale. Se mi fa piacere l’interesse del Barcellona? Certo che mi fa piacere, farebbe piacere a qualsiasi giocatore”.

Passi che a fine partita la lucidità di un calciatore può scarseggiare. passi anche che giocare al fianco di Messi fa davvero venire la voglia di giocarci sempre assieme. Ma al giovanotto andrebbe rammentato che ha firmato un contratto quadriennale con il Napoli, che tra l’altro lo paga a peso d’oro. 

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.