Palazzo Ambrosini tra fede e cultura. Ad Agosto Massimo Nava per Infinito Amore.

pa_banner

VENTICANO – Perché un romanzo che racconta la passione segreta di Napoleone viene presentato nei giardini di Palazzo Ambrosini, famoso in tutto il mondo per aver dato i natali alla Venerabile Rachelina Ambrosini, prossima alla beatificazione? 

La location è di quelle importanti e il luogo non scelto a caso. Proprio così, perché l’antico palazzo nobiliare, risalente al 1600, che si trova a Venticano nel cuore della media Valle del Calore, è appartenuto anche al marchese Rossi del Barbazzale, sposato con la pronipote di Napoleone I Bonaparte, Madeleine Colonna Walevski, figlia della protagonista del romanzo.

L’iniziativa fortemente voluta dal Presidente della Fondazione Rachelina Ambrosini, l’avv. Tommaso Ferri, e patrocinata dal Comune di Venticano, che l’ha inserita nel tabellone delle manifestazioni estive, vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell’autore, il giornalista e scrittore Massimo Nava, corrispondente del Corriere della Sera proprio a Parigi.

Il romanzo, bellissimo, ci riporta alla sera del primo settembre 1814, quando una giovane donna sbarca all’isola d’Elba. È la contessa polacca Maria Walewska, arrivata in incognito per incontrare l’uomo che l’ha amata: Napoleone, in esilio sull’isola da qualche mese.

Si ritrovano per una notte, che trascorrono insieme sulle alture di Marciana Marina, nella tenda dell’imperatore. È la notte dei ricordi, dei rimpianti, dei sogni struggenti. Napoleone si prepara a riconquistare la Francia, alla gloriosa e inutile impresa dei Cento giorni. Maria, con il piccolo Alessandro, avuto da Bonaparte, ripartirà in una notte tempestosa per cominciare un’altra vita, breve e infelice.

Nel racconto toccante e suggestivo di un’ultima notte, l’imperatore e la bellissima Maria rivivono la loro vita di corsa, il primo incontro in cui lui la folgorò, l’orgoglio di lei quando fu lui a innamorarsi perdutamente, il loro inseguirsi per tutto l’impero – proprio come in una fiaba -, i momenti d’immensa felicità… e infine le scelte strazianti, le cocenti delusioni, l’incapacità di arrendersi alla Storia. Nella notte stellata dell’Elba, Napoleone e la sua sfortunata amante si danno un ultimo bacio prima della riconquista di Parigi e della sconfitta di Waterloo. L’imperatore e la contessa Walewska, che portano sulle proprie spalle tutto il destino dei loro popoli, diventano un uomo e una donna qualsiasi.

E la Francia napoleonica il palcoscenico di un dramma universale e attualissimo, quello degli amanti costretti dagli eventi a dirsi addio.

Massimo Nava dà vita in queste pagine a un rigoroso e vasto affresco della grande Storia in uno dei suoi momenti fatali; e insieme tratteggia con sapienza un’appassionata avventura umana, nella quale la politica e l’amore, il calcolo e i sogni si intrecciano nel destino di un uomo e di una donna nei quali tutti, oggi, ci possiamo riconoscere.

Una serata d’autore, a Venticano (AV), mercoledì 20 agosto alle ore 21,00 nei giardini di Palazzo Ambrosini.

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.