Brasil2014 – Con Federico Fernandez anche Lacedonia protagonista ai Mondiali

pa_banner

LACEDONIA (AV) – Eliminata con disonore l’Italia, a Lacedonia, probabilmente, sanno già per chi simpatizzare nel prosieguo dei Mondiali. In una terra dove il tifo per il Napoli sta tornando ad essere preminente, sono i colori dell’Argentina ad incrociare la strada dei lacedoniesi. 

Il nostro giornale si è già ampiamente occupato della storia calcistica e familiare di Federico Fernandez, giovane difensore ma titolare da tempo enlla Nazionale di Sabella. Ne abbiamo parlato anche nello scorso aprile, in occasione della visita della troupe di Piuenne, che approdò a Lacedonia proprio per conoscere da vicino la terra di cui il difensore della Seleccion è originario. Già, perché nel novembre di tre anni fa Federico, al primo anno con la maglia azzurra del Napoli, in un uggioso pomeriggio di novembre era venuto a Lacedonia (accompagnato da Claudio Cugnali, il vice del Ct Sabella) per firmare presso l’Ufficio anagrafe del Comune la documentazione necessaria ad ottenere la cittadinza italiana.

Il suo bisnonno, infatti, Nicola Chiauzzi, partì proprio da Lacedonia nel 1900, nel pieno della seconda ondata migratoria, per andare a cercare fortuna in Argentina. Discendenze dirette, dunque, se è vero che anche la madre del giovane calciatore porta ancora quel cognome tipicamente lacedoniese. Fernandez, dunque, è un altirpino a tutti gli effetti, iscritto nel registro dei lacedoniesi residenti all’estero. Fin qui, la sua storia familiare. Quella calcistica sembra parimenti singolare. Nel Napoli di Mazzarri, Fernandez veniva “visto” molto poco dall’allenatore, che non lo ha mai reputato idoneo per una difesa a tre.

Con l’arrivo di Benitez, invece, e il conseguente passaggio ad una linea difensiva a quattro, Federico ha conquistato un posto stabile tra gli undici azzurri, disputando una stagione di alto livello. In tutti questi anni, anche quando a Napoli guardava le partite dalla panchina, non ha mai perso la fiducia di Sabella, che lo ha sempre fatto giocare titolare. E lo sarà anche oggi, alle 18, quando l’Argentina scenderà in campo contro il Belgio nella gara valevole per i quarti di finale del Campionato del Mondo. 

La Seleccion avrà tutta la Nazione che soffierà alle spalle. In più, grazie a Federico, anche un pezzo d’Irpinia.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.