Tagli ai compensi, i collaboratori de Il Mattino in stato di agitazione. Il documento

pa_banner

AVELLINO – Non accenna a placarsi lo stato di agitazione dei collaboratori de Il Mattino, destinatari nei giorni scorsi di una lettera con cui il direttore Alessandro Barbano ha comunicato loro una nuova decurtazione dei compensi

I collaboratori della redazione di Avellino, riuniti in assemblea ieri mattina al Circolo della Stampa di Avellino, hanno prodoto un documento che riportiamo di seguito.

Si è costituito questa mattina il Coordinamento provinciale dei giornalisti collaboratori del “Mattino” di Avellino, a seguito della comunicazione ricevuta dal direttore, Alessandro Barbano, con la quale si annunciava la riduzione dei compensi. Il coordinamento provinciale costituito da oltre 50 collaboratori della redazione di Avellino ha inviato nel pomeriggio un documento allo stesso direttore, al Comitato di redazione ed alle 5 redazioni provinciali, con il quale si annuncia lo stato di agitazione.

Il Coordinamento ritiene inaccettabile la decisone unilaterale del direttore e dell’azienda, considerato il ruolo essenziale e decisivo dei collaboratori nella fase di lavorazione del prodotto editoriale e a garanzia dei livelli qualitativi. “Decidere improvvisamente, senza alcuna spiegazione nel merito, di imporre ai collaboratori una decurtazione dei compensi è un atto che lede la dignità personale e professionale dei giornalisti, che con fermezza respingiamo – afferma il documento, che aggiunge – una simile operazione è il frutto avvelenato del vergognoso accordo sottoscritto in questi giorni dalla Fnsi, dalla Fieg e dall’Inpgi per le collaborazioni coordinate e continuative nel settore dell’editoria on-line e, più in generale, della svendita dei diritti alla quale assistiamo da diversi anni nel mondo del lavoro, soprattutto di natura intellettuale. Tutelare la dignità degli operatori dell’informazione significa anche difendere la qualità, l’indipendenza e la democrazia dell’informazione, che è in primis un diritto dei lettori. 

Il coordinamento rivendica e chiede all’azienda di rendere collettiva e non individuale la contrattazione, fornire le giustificazioni riguardo alla decurtazione annunciata, i criteri economici e l’entità della decurtazione, oltre a esplicitare quali sarebbero le economie derivanti da tale decurtazione. Il coordinamento ha inoltre preannunciato che lo stato di agitazione proclamato oggi, proseguirà a partire da mercoledì 23 luglio, con l’astensione dalla prestazione di collaborazione e da ogni attività lavorativa, in caso di insufficienti o peggio ancora mancate risposte da parte dell’azienda e del direttore. Il documento inoltre, si chiude con l’auspicio di riscontrare “la solidarietà dei giornalisti in organico e di tutti i dipendenti dell’azienda editoriale del “Mattino” a sostegno alla nostra mobilitazione per riaffermare unitariamente le ragioni irrinunciabili di salvaguardia del lavoro e di tutela della professione giornalistica. 

Il Coordinamento di Avellino, inoltre, ha già avviato i contatti con i collaboratori delle altre redazioni provinciali, per concordare altre forme di protesta e di rivendicazione dei propri diritti”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.