Riciclaggio, imprenditore di Mirabella Eclano arrestato dalla Gdf

pa_banner

MIRABELLA ECLANO (AV) – Riciclaggio internazionale: è questa la pesante accusa con la quale un imprenditore 64enne di Mirabella Eclano è stato arrestato dalla Guardia di finanza su richiesta della Procura di Castrovillari.

Secondo l’accusa, l’imprenditore irpino avrebbe trattenuto per sè e per i propri familiari somme provenienti da fondi pubblici destinate all’avviamento di un’azienda informatica. Un’operazione da oltre mezzo milione di euro. Il provvedimento di detenzione è scattato ieri contestualmente al sequestro di buoni di risparmio bancari per 120 mila euro, intestati alla figlia. 

I fondi pubblici erano stati erogati per l’avvio della Datavideo Srl, che l’imprenditore eclanese avrebbe dovuto avviare proprio in Calabria, a Morano Calabro, mentre sarebbero stati trasferiti illegalmente in Svizzera attraverso l’utilizzo di una società portoghese. Altri sequestri riguardano beni immobili tra Milano e Avellino, che l’uomo aveva nel frattempo intestato ai propri familiari.