Play me, I’m yours: lo Street Piano sbarca in Italia

pa_banner

Cosa fare in attesa del proprio treno una volta arrivati in netto anticipo in stazione? Semplice. Si suona il pianoforte.

È l’idea partita da Venezia Santa Lucia, ma non è certo una novità per gli abituè delle grandi stazioni ferroviarie del mondo. Ci sono, infatti, già 700 piani collocati nelle stazioni di più di 30 città del globo, ognuno con l’invito  “Play me, I’m yours”.

Gli Street Pianos, questo il loro nome, si ispirano ai pianoforti da strada di St. Pancras International Station di Londra e rappresentano un nuovo modo di fare e concepire la musica, essendo messi a disposizione di turisti, passanti, viaggiatori che intendono suonare. Dunque, pianoforti accessibili a tutti, pianoforti di tutti.

In Italia l’iniziativa, promossa qualche giorno fa, nasce da un’idea di Grandi Stazioni e della cantante e compositrice Sofia Taliani, che con il piano donato alla stazione di Venezia ha inaugurato il progetto “United Street Piano Italia” con l’obiettivo di regalare a ogni stazione un piano.

Forse così le partenze saranno meno angoscianti o forse più entusiasmanti, gli arrivi meno grigi o più euforici, di sicuro quel piano un po’ di tutti potrà dare voce alle infinite emozioni che affollano le stazioni.