Gesualdo, il Cappellone destinato a dimora artistico-musicale

pa_banner

GESUALDO (AV) – Il “Cappellone”, tra i più importanti simboli del Comune di Gesualdo, viene destinato a Cappella artistico-musicale, affiancando alla sua funzione religiosa quella propriamente culturale.

L’importante decisione amministrativa è tenuta a battesimo con una singolare iniziativa, dando voce ai documenti più significativi della storia di Gesualdo, dal Medioevo ai nostri giorni. Così per la prima volta, con l’aiuto interpretativo di Angela Caterina, Gesualdo si racconterà attraverso le fonti, rivelando di se stessa – come dei personaggi che l’hanno caratterizzata – gli aspetti più autentici e veri. Il commento musicale è affidato all’originalità compositiva del Notturno Concertante, band capace di accompagnare il pubblico in un percorso di sicuro fascino e grande emozione.

L’iniziativa è assunta dal Comune di Gesualdo su proposta dell’Istituto Italiano di Studi Gesuadiani e si inserisce in “Gesualdo domani”, il progetto nato dalle celebrazioni istituzionali del quarto centenario della morte di Carlo Gesualdo, l’importante anniversario caduto lo scorso anno.

Lo scopo perseguito dal cammino progettuale è quello di scoprire tutti i nuovi e possibili orizzonti che la storia e l’opera gesualdiane sono in grado di svelare, facendo in modo che l’antico feudo del Principe madrigalista possa affermarsi in Irpinia come punto di riferimento per la musica e le arti.

“Un obiettivo strategico – dichiara il sindaco Domenico Forgione – in vista soprattutto dell’ormai prossima apertura al pubblico del Castello di Gesualdo, che si candida ad essere una scuola europea di formazione musicale in campo polifonico e non solo. La riapertura del nostro Castello – prosegue il sindaco – è un vero e proprio banco di prova, dove testeremo realmente la possibilità di dar vita in Irpinia ad un luogo tanto accogliente quanto autorevole per chiunque intenda coltivare la musica e le arti”.

Insigni personalità hanno già sottoscritto questo impegno, sottolineando con la loro presenza l’importanza dell’iniziativa. Da Roberto De Simone a Mimmo Paladino, infatti, si è notevolmente incrementato il gruppo delle autorità disposte a condividere il sogno gesualdino. Solo quest’anno il progetto “Gesualdo domani” ha visto l’adesione di Marco Berrini (col quale si è dato vita al “Gesualdo Consort of Gesualdo”, il primo ensemble nazionale intitolato a Carlo Gesualdo e alla Città di Gesualdo), David Meghnagi (impegnatosi con l’UNLA ad istituire un liceo musicale capitolino, dove Carlo Gesualdo diventerà specifica materia d’insegnamento), Beatrice Cecaro (che ha siglato l’alleanza culturale con la Cappella Sansevero di Napoli), Mimmo Calopresti (il quale ha annunciato che effettuerà a Gesualdo le riprese del suo nuovo lavoro prodotto dalla RAI), Mauro Giancaspro (lo storico direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, col quale si è avviato un percorso di recupero bibliografico in materia gesualdiana), Paolo Isotta (che ha ricevuto il Premio Principe Gesualdo in occasione del meeting de Le due culture), Erika Rummel (la nota studiosa del rinascimento europeo, rappresentante della cultura gesualdiana nei più importanti centri musicali accademici d’oltreoceano, cominciando da quelli di Toronto e Los Angeles).

“Ancora una volta – dichiara Giuseppina Finno, rappresentante dell’Istituto gesualdiano – il nome di Gesualdo è stato portato all’attenzione di illustri personaggi e posto al centro di rilevanti appuntamenti, con l’intenzione di avviare nuovi itinerari, pensati per avere ricadute stabili sul nostro territorio”.

Conclude Giuseppe Mastrominico, Direttore scientifico dell’Istituto gesualdiano: “La proposta di destinare la Cappella del SS. Sacramento a Cappella musicale ed artistica del Comune di Gesualdo proietta d’un colpo il nostro paese nei nuovi scenari internazionali della cultura. Nel contempo però si è convinti che tale atto amministrativo, per il potente valore simbolico di cui si ricopre, sarà in grado di produrre ricadute positive sul tessuto sociale della comunità, forgiandone gli interessi attuali e orientandone le scelte future”.

La Cappella musicale e artistica di Gesualdo sarà sede prioritaria del Gesualdo Consort of Gesualdo che, sotto la direzione del Maestro Marco Berrini, sta per iniziare la sua prima tournée europea. “Si partirà da Bergamo l’1 ottobre – dichiara Berrini – con un’anteprima mondiale nell’ambito del Festival Internazionale di Musica Antiqua, per proseguire poi in Italia e in Europa. Naturalmente il concerto finale sarà a Gesualdo, che ormai è pronta a vivere – come altri hanno già ricordato – un nuovo e affascinante Rinascimento”.