Lioni, caso Ofanto: indaga la Procura di Avellino

pa_banner

LIONI (AV) – Arrivano in tribunale gli atti relativi alla moria di pesci nell’Ofanto, nella zona Muliniello.

Gli incartamenti sono finiti infatti alla Procura della Repubblica di Avellino. Il sindaco di Lioni, Rodolfo Salzarulo, intanto, non nasconde la sua rabbia per i ritardi registrati sulla vicenda, che si è verificata il 15 di agosto. “Il ritardo dei prelievi è semplicemente clamoroso”, denuncia Salzarulo. “Il fiume è inibito per anima e irrigazione”.

Infatti, per l’irrigazione dei campi gli agricoltori si sono organizzati in maniera autonoma con pozzi e vasche, mentre si resta in attesa della convocazione di un tavolo tecnico proprio sulle condizioni del corso fluviale.