Avellino, nuovi particolari sull’inchiesta degli assegni truccati

pa_banner

AVELLINO – Emergono nuovi particolari sull’inchiesta relativa agli assegni truccati.

Gli inquirenti hanno appurato che il vertice della banda di falsari era a Napoli, mentre la base operartiva in Irpinia. In particolare a Montoro si trovava la stamperia dalla quale fuoriscivano i titoli falsificati: la banda, infatti, modificava, gli assegni di Inps e compagnie assicurative cambiandone il destinatario.

Un grosso giro d’affari che finora si ferma a due milioni di euro (la somma che la banda era riuscita a cambiare), ma la cifra potrebbe aumentare.

Gli inquirenti ritengono infatti che vi sia dell’altro su cui indagare. Sono 59 gli indagati per truffa e riciclaggio, ma anche questo numero potrebbe essere destinato ad aumentare.