L’Elisir d’Amore: al Gesualdo la grande lirica, con il coro e l’orchestra del San Carlo

pa_banner

AVELLINO – Dopo il successo dell’anteprima di stagione di “Sogno o son desto” di Massimo Ranieri, il Teatro Carlo Gesualdo propone un altro spettacolo che si preannuncia già un trionfo, con il coro e l’orchestra del San Carlo di Napoli.

Sabato 25 alle ore 21 e domenica 26 alle ore 18.30, sul palco del teatro comunale di Avellino torna infatti la grande lirica con “L’elisir d’amore”, opera del compositore bergamasco Gaetano Donizetti che inaugurerà ufficialmente la XIII stagione del Teatro comunale irpino, organizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano.

Il Teatro Gesualdo alza il sipario per una serata straordinaria e accoglie cinquanta orchestrali e cinquanta coristi del Teatro di San Carlo di Napoli, diretti dal Maestro Maurizio Agostini per la regia di Riccardo Canessa, che saranno protagonisti di una delle più belle opere di Gaetano Donizetti, portata in scena con il prestigioso allestimento della Fondazione Arena di Verona.

La rocambolesca storia d’amore tra la bella fittavola Adina e il povero contadino Nemorino. Il ricorso ad una pozione magica venduta dal ciarlatano Dulcamara per fare innamorare la giovane. L’arroganza del sergente Belcore che si frappone tra i due. Saranno questi gli ingredienti de “L’elisir d’amore”, melodramma giocoso, composto in soli quattordici giorni da Gaetano Donizetti nel 1832.

Dopo la “Messa da Requiem” di Giuseppe Verdi che ha inaugurato la scorsa stagione, facendo registrare il tutto esaurito per due serate, un altro appuntamento targato San Carlo di Napoli aprirà la nuova stagione del Teatro “Gesualdo” di Avellino.

Lo spettacolo in due atti, sulle musiche del compositore bergamasco e il libretto di Felice Romani avrà l’allestimento della Fondazione Arena di Verona e i costumi di Artemio Cabassi.

Il ruolo della bella Adina sarà interpretato dal Soprano Grazia D’Oronzio, mentre il Tenore Leonardo Cortellazzi vestirà i panni del giovane coltivatore Nemorino. Il sergente Belcore, invece, sarà portato in scena dal Baritono Mario Cassi, mentre il medico ambulante Dulcamara sarà il Basso buffo Filippo  Morace. A completare il cast il Soprano Marilena Laurenza, che porterà sul palco del “Gesualdo” la villanella Giannetta.

I biglietti per assistere al grande evento targato Teatro di San Carlo di Napoli sono ancora disponibili presso i botteghini di piazza Castello, aperti al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.