Truffa e ricettazione, nella rete della Polizia tre rom e un’olandese

pa_banner

AVELLINO – Tre rom arrestati ad Avellino e una minorenne olandese denunciata da personale dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura.

I quattro si erano resi responsabili dei reati di tentata truffa e ricettazione. L’episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri allorquando veniva rintracciata in centro cittadino una Nissan, con a bordo quattro giovani dediti ai furti in abitazione, già segnalata da personale dell’Arma dei Carabinieri di Benevento

Nella circostanza il veicolo è stato individuato da una pattuglia nei pressi di un negozio di telefonia sito in Piazza Libertà e pertanto il personale di Polizia si è predisposto al fine di precludere ogni possibile via di fuga. Di lì a poco gli agenti, notato due degli occupanti l’autovettura uscire dall’esercizio commerciale in evidente stato di agitazione, li hanno prontamente bloccati.

Nel corso dei primi accertamenti è stato acclarato che i due avevano tentato, mediante l’utilizzo di un banco posta rubato, di acquistare due telefonini all’interno del negozio, ma la transazione non era andata a buon fine. Gli stessi, unitamente agli altri due giovani, che nel frattempo erano rimasti, in attesa, nell’auto, sono stati condotti in Questura e sottoposti ad accurata perquisizione personale che sortiva esito positivo in quanto, nascosti nell’abbigliamento delle due donne si rinveniva denaro in contante per 25.000 euro, una collana d’oro ed un libretto postale, proventi di precedenti furti perpetrati nella mattinata in Alta Irpinia, nonché un mazzo di chiavi adulterine.

Pertanto dopo le formalità di rito i due giovani e la trentenne sono stati tratti in arresto mentre la minore è stata deferita in stato di libertà per concorso in truffa e ricettazione. Il 20enne arrestato, conducente dell’autovettura, è stato altresì denunciato per guida senza patente in quanto mai conseguita.