#Aperilibri: i Giovani democratici di Serino inaugurano venerdì il ciclo di serate

fiera modificato

SERINO (AV) – #APERILIBRI. E’ questo il titolo del ciclo di appuntamenti ideato dal Circolo GD-PD “E. Berlinguer” di Serino e che partirà venerdì 21 novembre, alle ore 18.00, presso i locali della propria sede in Via S. Pescatore n*32.

Ad inaugurare la serie di serate sarà la presentazione del libro “Un’altra illusione” scritto da Ciro Borrelli e illustrato dal vignettista Roberto Carta. Sarà inoltre possibile seguire la diretta dell’evento attraverso www.facebook.com/GdPdSerino e gli hashtag fb e twitter: #gdpdserino #APERILIBRI

 

“L’idea di creare una serie di appuntamenti culturali legati alla presentazione di libri di autori locali e nazionali – afferma Marcello Rocco, segretario della locale Sezione e dirigente nazionale del Pd – nasce a seguito di un viaggio fatto in Toscana qualche tempo fa, quando fui ospite dei Giovani Democratici di Siena durante la Festa de l’Unità. Organizzarono, tra le altre cose, la rassegna “#APERILIBRI”. Non è la prima volta che presentiamo un libro nel circolo Berlinguer, però in questo caso vogliamo sperimentare questa nuova formula  che ha come punti cardine un filo conduttore che possa legare un appuntamento all’altro e l’informalità con la quale questi eventi vedranno la vita. “#APERILIBRI” – continua Rocco – proprio perché durante le presentazioni dei manoscritti offriremo un aperitivo ai presenti e daremo modo a chi lo vorrà di potersi confrontare con gli autori ed i relatori che ospiteremo. La Sezione GD-PD “E. Berlinguer” di Serino ancora una volta punta sulla cultura, ritenendo che quest’ultima rappresenti il fulcro per poter cambiare in meglio l’Irpinia, la Campania e l’Italia, a partire dalla nostra realtà territoriale”. 

“Questo manoscritto – spiega l’autore Ciro Borrelli – ripercorre le date e gli eventi che hanno segnato la storia politica italiana degli ultimi vent’anni, attraverso la narrazione di episodi e aneddoti personali. L’idea di scrivere questo libro non nasce a tavolino, ma prende corpo a poco a poco. Al compimento dei miei 40 anni, dopo l’ennesima delusione politica, ho di nuovo provato una sensazione di confusione e disorientamento, ed ho pensato che forse, se avessi provato a mettere per iscritto il mio percorso emotivo, il mio cammino fatto di picchi di entusiasmo e momenti di amarezza, sarei riuscito a fare un po’ di chiarezza, soprattutto a me stesso. Allora ho cercato di rintracciare i motivi che mi hanno fatto avvicinare alla politica o mi hanno fatto riporre la fiducia in un determinato leader, le mie aspettative verso i personaggi politici cui ho dato la mia preferenza, le loro scelte politiche legate al contesto storico e le cause delle varie delusioni. Poi mi sono chiesto: perché non condividere queste riflessioni con gli altri? Magari – conclude Borrelli – ci sono persone, soprattutto miei coetanei, che hanno vissuto sensazioni analoghe o che avrebbero piacere nel contraddirmi, nel farmi notare che non vedo la cosa dal punto di vista giusto e che la mia analisi è fuorviante. Cosi è nata l’idea del libro”.