Samantha è in orbita. La Cristoforetti e gli esperimenti sulla Iss

Dalle 10.01 di ieri sera, Samantha Cristoforetti ha lasciato la Terra. L’astronauta italiana ha messo piede oggi sulla navicella russa Soyuz, a bordo della quale resterà per sei mesi. 

Il balzo è durato soltanto sei ore, a fronte degli oltre due giorni che venivano impiegati fino a non molto tempo fa. Samantha, che ha confessato di aver fatto, prima di partire, la doccia più lunga della sua vita (in orbita la difficoltà per l’igiene personale sono elevate), dovrà condurre ben duecento esperimenti, dieci dei quali preparati dall’Asi, l’Agenzia spaziale italiana. 

QUALITA’ DEL SONNO. Tra gli altri, affronterà un esperimento sul sonno studiato dalla Fondazione don Gnocchi. Senza la gravità la qualità del sonno non è assolutamente buona e incide in maniera negativa sul lavoro da compiere. E’ stato scoperto che gli astronauti subiscono dei dannosi micro-risvegli di cui non si conosce la causa. L’ipotesi è che dipendano da alterazioni del sistema nervoso indotte da un cambiamento nel funzionamento del cuore. Per scoprirlo, Samantha dormirà con una maglietta piena di sensori che registreranno l’elettrocardiogramma, il respiro, le vibrazioni cardiache, mentre un termometro misurerà la temperatura della pelle. Al risveglio i dati saranno scaricati su un computer che li invierà a terra.

CERVELLO SENZA PESO. Un altro esperimento intende indagare l’adattamento del cervello nella guida dei movimenti in assenza di peso. Ideato al Politecnico di Milano, verrà eseguito con delle sferette riflettenti che Samantha attaccherà sul suo corpo, consentendo a un gruppo di telecamere di tenere sotto controllo le posizioni assunte durante una serie di esercizi. Altri test riguarderanno lo studio della perdita di calcio delle ossa di cui si soffre in orbita (per combattere l’osteoporosi negli anziani), oppure la circolazione sanguigna nel cervello, la cui comprensione può aiutare l’indagine nelle malattie neurodegenerative.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.