Luci (spente) a San Siro. E un Napoli agghiacciante va in ritiro

pa_banner

MILANO – Malpensa-Capodichino-Castel Volturno. E nessun passaggio da casa. 

Aurelio De Laurentiis, una furia dopo la gara di San Siro, spedisce tutti in ritiro. Un ritiro che sembra essere punitivo, perché frutto di una involuzione clamorosa. Non valga il 3-0 di metà settimana contro una modestissima squadra del campionato slovacco: il Napoli, purtroppo, in questo momento è quello andato in onda ieri sera. Giocatori nervosi ma non aggressivi, vicini ma sfilacciati. Inspegabile, poi, l’atteggiamento voluto dal tecnico. Poca pressione prima del vantaggio di Menez, poca pressione anche dopo. Una strategia tutta puntata sulle ripartenze, anche in svantaggio. Si può giocare in questa maniera? Può mapprocciare una gara in questo modo una squadra che ambisce al palcoscenico più importante d’Europa?

No, non può. De Laurentiis, che sta per scucire 13 milioni per Manolo Gabbiadini, lo sa bene. Per questo, a fine gara, ha affrontato negli spogliatoi una squadra silente e a testa bassa. Higuain, chiamato in settimana dal tecnico a vestire i gradi del trascinatore (quasi dimenticando che un capitano c’è e “mazziando” così nuovamente un Hamsik già frustrato da prestazioni quasi mai positive), riesce solo a lamentarsi e a ingiuriare compagni di squadra e arbitro, vincendo a mani basse il trofeo delle facce: emblematica quella – tra il dubbioso e il “che ci faccio qua?” – su rinvio corto di Rafael. Ma nel Real Madrid faceva lo stesso? Ne dubitiamo fortemente. 

In ogni caso, giovedì al San Paolo arriva il Parma. Bestia nera degli ultimi anni – benchè ora nei bassifondi della graduatoria – e prima tappa di un piccolissimo ciclo che poi porterà il Napoli a Doha a giocarsi la Supercoppa con una Juve ben più in salute. Una tappa, come ha scritto Maurizio De Giovanni su Il Mattino di oggi, che sarà certamente la prova d’appello per Rafa Benitez. L’ultima spiaggia. O l’ultima sabbia.

TABELLINO

MILAN (4-3-3): Diego Lopez; Bonera, Rami (21′ st Zapata), Mexes, Armero; Montolivo (41′ st Essien), De Jong, Poli (32′ st Muntari); Bonaventura, Menez, Honda. A disp.: Abbiati, Agazzi, Albertazzi, Zaccardo, Saponara, Pazzini, El Shaarawy. All.: Inzaghi

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Mesto, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; David Lopez, Jorginho (16′ st Hamsik); Callejon, De Guzman (32′ st Gargano), Mertens (27′ st Zapata); Higuain. A disp.: Andujar, Colombo, Henrique, Britos, Inler. All.: Benitez.

ARBITRO: Damato

MARCATORI: 6′ Menez, 7′ st Bonaventura

AMMONITI: Montolivo, Bonera, Poli (M); Ghoulam, Albiol (N)