Teatro Gesualdo, nel foyer la magia del suono della zampogna

fiera modificato

AVELLINO – Il Teatro Gesualdo continua a regalare forti emozioni e sorprese al pubblico irpino.

Dopo l’inaugurazione della mostra presepiale dell’associazione “Amici del Presepe irpino”, il Teatro Comunale di Avellino apre le porte ai maestri zampognari dell’associazione culturale “Il Calascione”, riuniti nel gruppo musicale “Ancia Libera” che anticiperanno lo spettacolo dei Momix di giovedì 11 e sabato 13 dicembre.

Difatti, giovedì 11 alle ore 20 e sabato 13 alle ore 16, i musicisti porteranno nel foyer del primo piano del “Gesualdo” la magia del Natale declinata attraverso il suono tipico della zampogna campana, tipica del periodo natalizio. Nel corso delle due serate, inoltre, i componenti dell’associazione culturale “Il Calascione” e i maestri zampognari dell’“Ancia Libera” illustreranno nei dettagli lo strumento artigianale della zampogna. 

Lo scopo della serata è la riscoperta di una cultura musicale intrisa dei numerosi aspetti della tradizione del Sud Italia, con particolare attenzione alla corretta comprensione di rituali e usanze tutt’oggi praticate anche in ambito urbano. La zampogna è uno strumento musicale universalmente noto che rimanda alle antiche tradizioni ma anche a quella fetta di anno che riguarda il Natale. E’ impossibile non associare il dolce suono dello strumento al periodo della Natività e delle feste ad essa annesse.

Il repertorio della serata, però, non si limiterà alle solite nenie natalizie, ma toccherà numerosi ed allegri brani: testi tratti dalla “Cantata dei Pastori” di Andrea Perrucci. Inoltre il repertorio canzonettistico è composto anche da “serenate” e da “canti d’amore”, “walzer”, ed altre musiche da ballo, quali quadriglie, tarantelle, tammurriate e saltarelli. Da Piva Piva a Quanno Nascette Ninno (di S.Alfonso Maria dei Liguori) , fino al “Ciaramellaro a Napoli” (di Raffaele Viviani), passando per ninna nanne e canti devozionali.

Per maggiori informazioni telefonare al numero 0825.771620