Un anno per abuso d’ufficio: De Luca condannato, il Pd nella bufera

Fiera Di Calitri prova

SALERNO – Una tegola giudiziaria colpisce Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, nel pieno della campagna elettorale per le primarie del Pd.

Per l’accusa di abuso d’ufficio in riferimento al processo per la costruzione del termovalorizzatore di Salerno, il tribunale della stessa città lo ha condannato ad un anno di reclusione e ad un altro anno di interdizione  dai pubblici uffici.

Dura la reazione di De Luca, che ha dichiarato: “Io non ho intenzione di mollare. Da oggi comincia una grande battaglia di civiltà”. In base alla legge Severino, per De Luca dovrebbe ora scattare la sospensione dalla carica di sindaco da parte della Prefettura di Salerno. Un vero e proprio macigno sulla strada verso le primarie del Pd alla carica di presidente della Regione Campania.