Torna l’asse nel centrodestra: Berlusconi e Salvini, accordo per le regionali

pa_banner

ARCORE (MI) – Conseguenze a cascata dalla fine del patto del Nazareno, avvenuta con la proposta e il voto di Sergio Mattarella al Quirinale. 

Al rientro dalla travagliata trasferta di Palermo – dove è stato accolto da una manifestazione di protesta ma dove ha anche raccolto consensi -, Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, si è recato ad Arcore per avviare un dialogo con Silvio Berlusconi in vista della più volte affermata riunione dei partiti di centrodestra. L’obiettivo viene ritenuto raggiungibile attraverso l’inizio di un dialogo incardinato su due temi: accordo in vista delle prossime regionali e opposizione dura al governo Renzi, anche attraverso l’adozione della pratic ostruzionistica. 

Dunque, concertazione sia sui nomi da trovare e proporre in vista della tornata elettorale della prossima primavera sia per quel che riguarda le azioni di disturbo e di opposizione da mettere in piedi contro i provvedimenti dell’esecutivo, che di volta in volta il Parlamento si troverà a discutere. Asse rinsaldato, dunque. Un asse che comporta l’isolamento del Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano, ministro dell’Interno del governo Renzi con cui pochi giorni fa proprio Salvini ebbe uno scambio di battute al vetriolo in diretta televisiva dallo studio di Porta a Porta.