Notre Dame des Banlieu: al Gesualdo torna il teatro in lingua francese

fiera modificato

AVELLINO – Ritorna l’appuntamento con il teatro in lingua francese di targato “France Theatre” di Roma, spettacolo organizzato in collaborazione con l’Alliance Française di Avellino diretta da Luciana Barile.

Giovedì 12 febbraio alle ore 10 al Teatro “Carlo Gesualdo” arriva “Notre Dame des Banlieus” pièce teatrale dedicata agli alunni delle scuole medie e superiori della provincia di Avellino, scritto da Frédéric Lachkar,

E’ il terzo appuntamento per la rassegna di “Scuole a teatro 2015”, che cura il teatro per ragazzi. La kermesse è giunta oramai alla XIII edizione e viene organizzata dall’Istituzione Teatro Comunale “Carlo Gesualdo” di Avellino, presieduto da Luca Cipriano, con Salvatore Gebbia e Carmine Santaniello, componenti del Consiglio di amministrazione, in collaborazione con l’associazione culturale «Mister Punch» presieduta da Espedito Giaccio.

Lo spettacolo è interpretato da attori madre lingua della compagnia “France Theatre” di Roma, accompagnati sul palco da cantanti e musicisti professionisti dell’École de Comédie Musicale de Paris. La pièce porta in scena il distretto 9-3, cuore della banlieue francese.

“Notre Dame des Banlieus” porta in scena il ruolo dei social network e degli smartphone nella vita dei giovani, mentre i ritmi e le note del rap, dello slam o dell’hip-hop, fanno da tappeto sonoro a temi sociali e culturali raccontati e affrontati in modo trasversale. La storia francese ritorna, così, ad essere attuale perché il passato si ripete ed influenza il presente. La pièce rappresenta uno spaccato della generazione francese di oggi, con le sue speranze e i suoi desideri, passando dai più frivoli a quelli più profondi e importanti.

La Notre Dame de Paris di Victor Hugo: il centro città è diventato troppo costoso e la Corte dei Miracoli si è spostata in periferia. La trasposizione funziona a meraviglia: tutto è cambiato ma nulla è diverso. I temi atemporali vengono rivisitati, nei dialoghi e nelle canzoni, per interpellare la Generazione 2.0.

Il costo del biglietto è di 7euro per la platea, e di 5euro per la galleria che, però, sarà aperta solo in caso di esaurimento dei posti in platea. 
Per gli alunni della città di Avellino, il costo del trasporto è di 1 euro.

Per maggiori informazioni telefonare al numero 0825.771629 dalle 10 alle 13