M5S, la Ciarambino dura: Fermeremo gli affari sull’acqua pubblica

pa_banner

NAPOLI – Ancora l’acqua pubblica al centro delle dichiarazioni di Valeria Ciarambino, candidato Presidente della Regione Campania per il Movimento 5 Stelle.

“Ormai – afferma la Ciarambino – i cittadini circondano il presidente uscente e non certo per stringergli la mano. Oggi fuori alla Regione Campania ci sarà un altro presidio dei Comitati Civici a tutela dell’acqua pubblica, un bene vitale per cui da anni ci battiamo al fianco dei comitati e dei cittadini. Io e gli altri candidati alla Regione del M5S parteciperemo insieme ai comitati per non consentire a Caldoro, attraverso un vero e proprio blitz, di regalare ai suoi amici delle lobby dell’acqua la gestione dei bacini idrici campani, inserendo il provvedimento all’interno di un maxi emendamento sulla finanza regionale”.

La Ciarambino ci va giù duro, parlando addirittura di “una truffa che prende in giro i 27 milioni di cittadini che si sono espressi in maniera contraria al referendum per la privatizzazione dell’acqua. Nel nostro programma regionale l’acqua è al centro degli impegni. Il nostro obiettivo in Regione sarà quello di una gestione pubblica e partecipata del servizio idrico. Blocchiamo subito Caldoro, prima che faccia altri danni: in ogni caso, lo ribadisco ancora, qualunque atto riguardante la privatizzazione dell’acqua in Campania sarà annullato appena entrerò in Regione, così come tutti gli atti della Giunta Caldoro degli ultimi 4 mesi, frutto di scellerate promesse elettorali per ingannare i cittadini”.