fUSCHETTO

Io so’ santangiolese. La canzone di Battistini per ricordare la sua terra

SANT’ANGELO DEI LOMBARDI – Io so’ santangiolese e so contento. Inizia cosi l’ultimo brano di Lucio Fuschetto, in arte Battistini, che in questo modo ha voluto parlare della sua terra che lasciò quarant’anni fa per emigrare al nord.

pa_banner

Un pezzo folkloristico e divertente, scritto da chi, in questo modo, ha voluto ripercorrere un pezzo della sua fanciullezza per ricordare a chi non lo ha mai conosciuto, che anche lui, oramai trapiantato a Torino, è un “Santangiolese”.

Se lo ascolti, riaffiorano i ricordi di quel ragazzino che correva felice nei vicoli del suo paese natale che non ha mai dimenticato con i suoi tesori artistici, il castello dove ha vissuto il Principe Placido, l’Abbazia del Goleto, ma anche i suoi sapori, le noci, le castagne, il carmasciano. Non manca una nota ironica per ricordare quella vecchia cantina “re n’garredda”, nel quartiere S.Rocco dove suo padre lo mandava spesso a prendere il vino sfuso.

Un pezzo di storia ma anche un pezzo di cuore, trascritti in un pentagramma su cui saltellano felici i “uagliuncieddi” e le “uagliuncedde” che ancora oggi, dice l’artista,  “songo paesane a mme’!

 

Per ascoltare il brano (clicca qui) https://youtu.be/8PhNWWlRWFM

 

IO SO’ SANTANGIOLESE

( Canzone Folkloristica dedicata alla Terra d’Irpinia. Terra del Lupo e della ginestra selvatica. Testo  musica  e arrangiamenti di Lucio FUSCHETTO ^ in arte Battistini^2015)

TESTO

Io so’ Santangiolese e so’ cuntento

io so’ Santangiolese e ppe mme’ e’ nu vanto

io so’ santangiolese e nun mme’ pento

e sta’ canzone a vui io mo’ ve canto!

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ so’ figlio a tte’

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ me piaci a mme’!

A lu paese mio nge lu vino buono

tenimmo pure l’uoglio sopraffino

tenimmo pasta, semola e farina

noci, nocelle e carmasciano

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ so’ figlio a tte’

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ me piaci a mme’!

Tenimmo n’antichissimo castello

addo’ na vota n’ge steva lu principino

n’ge steva ngarreda ca n’ge venneva lu vino

e mo’ n’ge stanne tanti uagliuncieddi!

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ sti uagliungieddi songo paesani a mme’!

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ ste uagliungedde songo paesane a mme’!

A lu paese mio c’e’ n’abbazia

che e’ tanto antica e tanto bella

la gente vene a vere’ sta’ meraviglia

assieme a li parienti e la famiglia

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ so’ figlio a tte’

Io so’ Santangiolese, Santangiolese pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ me piaci a mme’!

Si bello paese mio, si bello assai pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ mme’ piaci a mme’

Si bello paese mio, si bello assai pecche’

pecche’ pecche’ pecche’

pecche’ so figlio a tte!