Sciarpata tifosi Avellino

In vantaggio per 79′. Finisce 1 a 1, un pareggio esterno che fa morale

AVELLINO – Un buon Avellino strappa un pareggio che fa morale sul difficile campo dello Spezia.

pa_banner

Biancoverdi finalmente volitivi e determinati, con buone trame di gioco nelle quali inizia ad intravedersi la mano di Tesser. Non era di un certo un match facile quello odierno, sul campo di una formazione che ha tutte le carte in regola per tentare il salto di categoria.

In realtà l’Avellino ha anche tanto da recriminare, tra legni ed occasioni sprecate e gol subito a 10 minuti dal termine, ed alla fine risulta tra le due squadre quella che più avrebbe meritato i tre punti.

Avellino in vantaggio al 34′ minuto del primo tempo. Cross dalla bandierina di Insigne e colpo di testa vincente di Jidayi. Pareggio dello Spezia a dieci dalla fine con un colpo di testa di Nenè.

 

SPEZIA – AVELLINO 1-1 

Tabellino:

Spezia (4-2-3-1): Chichizola; Martic (dal 35′ st Acampora), Valentini, Terzi, Milos; Juande, Brezovec; Kvrzic (dal 13′ st Nené), Catellani, Situm; Calaiò (dal 26′ st Rossi). A disp.: Sluga, Piccolo, Canadjija, Errasti, Misic, Azzi. All.: Bjelica.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Nica, Rea (dal 27′ st Giron), Ligi, Visconti; Arini, Jidayi, Gavazzi; Bastien (dal 35′ st Mokulu); Insigne (dal 1′ st Chiosa), Trotta. A disp.: Offredi, Nitriansky, D’Angelo, Zito, Soumarè, Tavano. All.: Tesser.

Arbitro: Pezzuto di Lecce.

Reti: pt 41′ Jidayi; st 34′ Nené.

Note: Ammoniti Ligi, Arini, Jidayi, Nica e Valentini per gioco falloso; Chiosa per comportamento non regolamentare. Calci d’angolo 6-5 per lo Spezia. Recupero: pt 1′; st 4′.