Gennaro Iezzo2

Lupacchiotti, è il giorno del derby col Napoli: e Iezzo sfida il suo passato

LACEDONIA – Vigilia tranquilla per la Primavera dell’U.S. Avellino, impegnata nel pomeriggio di oggi a Sant’Antimo contro i pari categoria del Napoli.

Fiera Di Calitri prova

Un impegno che non può avere lo stesso sapore degli altri. E’ un derby sentito, tanto più che tra i Lupacchiotti sono tanti i giocatori di origine partenopea. Su tutti, l’allenatore Gennaro Iezzo, una delle icone del “doppio salto vitale” dalla C alla A del Napoli di De Laurentiis. Originario di Castellammare di Stabia, Iezzo ha vestito la maglia del Napoli dal 2005 al 2011, indossando anche la fascia di capitano.

“Non è una partita come le altre per me”, ha confessato l’ex portiere, che oltretutto si troverà di fronte il suo compagno di squadra di mille battaglie, Gianluca Grava. Cercando di concentrarsi sulla gara e di mettere da parte i sentimenti, durante la settimana Iezzo ha provato e riprovato uomini e schemi da opporre all’undici di Saurini. L’Avellino, con un solo punto in classifica (strappato alla prima della classe, la Roma di De Rossi). “Dovremo avere il giusto approccio alla gara”, analizza l’allenatore biancoverde ai taccuini di Calcionapoli24.it.

“Al di là di come abbiamo preparato la partita in settimana, negli allenamenti a Lacedonia, sarà fondamentale l’approccio che avremo alla gara. Dovremo essere mentalmente pronti e aggressivi, consapevoli che sarà una gara durissima contro un avversario arrabbiato che vorrà fare punti”, chiude Iezzo.