L'esultanza dopo la rete decisiva siglata da Antonio Tommasiello

U.S. Lacedonia alla prova del nove: al “Tonino Arminio” arriva il Gravit Landi

LACEDONIA – Battere il Gravit Landi per dare continuità di risultati.

pa_banner

E’ l’obiettivo dell’U.S. Lacedonia, impegnata nel pomeriggio di oggi tra le mura amiche del “Tonino Arminio” contro la squadra di Grottaminarda (arbitro il signor Giuseppe Melito di Ariano Irpino), ultima in classifica con una difesa colabrodo e un attacco dalle polveri bagnate: sei reti subite e neanche una siglata.

Sulla carta l’impegno per i rossoblù è di quelli abbordabili, ma sappiamo bene che nel calcio gare come questa nascondono pericolose insidie. In particolare, è l’approccio mentale alla partita che farà la differenza. Bisognerà entrare in campo con il piglio giusto, la cattiveria agonistica adeguata ad un impegno che, altrimenti, riserverà certamente sgradite sorprese.

La squadra di mister Caggiano, però, ha tutte le intenzioni di proseguire nella striscia di vittorie. Prima lo Sporting Scampitella, poi l’Artemisium sono crollate sono i colpi di Tommasiello prima e Di Iesu poi. I rossoblù non vogliono fermarsi, rispondendo “presente!” alla prova del nove. Anzi, dei nove punti.