Foto 3

Un pezzo di Sannio allo Juventus Stadium per non perdere la speranza

MONTESARCHIO – La storia di questo Sannio devastato dalla furia dell’acqua continua. Una vicenda dolorosa, commovente ma, a tratti, ancora gioiosa e per questo piena di speranza. Una storia che contiene tante storie e che oggi si arricchisce di una nuova pagina.

Fiera Di Calitri prova

Quella che riguarda il piccolo Francesco, un ragazzino di Montesarchio a cui lo zio Alfredo, con la complicità di mamma Linda e di papà Diego, ha voluto regalare una visita allo Juventus Stadium per seguire la squadra del suo cuore e, in questo momento difficile, abbracciare i suoi beniamini, Dogba in testa.

foto1E così, mentre sugli spalti veniva esposto lo striscione dello Juventus Club di Montesarchio con la scritta “#rialzati Sannio”, il piccolo Francy, accompagnato da Nedved, Ferrara e Pessotto ha visitato gli spogliatoi, lo J-Museum, ha pranzato nel famoso “Legend Club” ed ha assistito alla gara Juventus – Borussia Moenchengladbach accanto a dirigenti e calciatori.

Una storia vera quella del giovane Francesco che si allontana dalla sua terra martoriata per tornare a sorridere e sognare. Una giornata speciale che ha riempito il suo piccolo cuore di gioia e di vita ma anche il nostro di speranza; la speranza che il Sannio si rialzi presto, che lo Stato faccia sentire finalmente il suo calore e la sua presenza, che un giorno, molto vicino, tutto questo sarà un lontano ricordo.

Rialzati Sannio

Foto5Foto4 Foto8 Foto6 Foto7  Foto9Foto 2

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.