c_783471b4a3

Ancora cinghiali nella Valle del Calore, Belmonte: Cosa si aspetta ad intervenire?

PIETRADEFUSI – L’ultimo preoccupante avvistamento risaliva ad agosto. Da allora, tanta preoccupazione ma nulla di più. La stessa che oggi provano i cittadini della Valle del Calore dopo l’ennesimo avvistamento di cinghiali.

Fiera Di Calitri prova

Questa volta esemplari adulti con i propri cuccioli sono stati avvistati a poche centinaia di metri dai centri abitati di Tufo, Pietradefusi, Taurasi e Montemiletto da dove arrivano decine di segnalazioni. Questa mattina nel comune di Pietradefusi un imprenditore agricolo si è trovato di fronte due ungulati adulti che per fortuna sono scappati senza aggredire l’uomo. Analogo episodio nelle campagne di Taurasi dove alcuni ungulati camminavano, addirittura, sulla carreggiata a pochi metri da alcune abitazioni. A Tufo un cinghiale si è fermato per più di un quarto d’ora dinanzi ad un’abitazione dove era parcheggiata l’autovettura del proprietario.

Sulla vicenda è intervenuto, oggi pomeriggio, il Sindaco di Pietradefusi, Giulio Belmonte, che ancora una volta ha invitato gli Enti preposti (ndr. Provincia e Regione) ad adottare immediatamente tutti i provvedimenti necessari per porre fine a questa vicenda che rischia di sfociare, da un momento all’altro, in tragedia. “I comuni hanno le mani legate – ha commentato Giulio Belmonte – e davvero non si capisce per quale motivo gli Enti preposti, nonostante le continue segnalazioni e richieste di aiuto non intervengano con l’abbattimento controllato degli animali, peraltro previsto dalla normativa regionale.