Carabinieri Montella

Furti in abitazione, tre rom arrestati dai carabinieri di Montella

MONTELLA – I Carabinieri della Compagnia di Montella hanno messo a segno tre arresti per furti in abitazione commessi negli ultimi giorni tra Montella, Nusco e Volturara Irpina.

pa_banner

I tre delinquenti, tutti di etnia rom, agivano sempre allo stesso modo: all’imbrunire o di notte, a bordo di un’Audi A4 SW di colore grigio con targa rumena, raggiungevano i comuni dell’Alta Irpinia. Poi, per entrare all’interno dell’abitazione, praticavano con un trapano a mano un buco nell’infisso per introdurre un ferretto con un gancio e far girare la maniglia dall’interno. La tecnica consentiva ai ladri di entrare in silenzio e rubare un po’ di contanti o arraffare qualche oggetto prezioso prima di darsi velocemente alla fuga.

Molteplici sono stati i casi del genere in Alta Irpinia. Per arginare il fenomeno ci è voluto uno sforzo non solo investigativo ma anche preventivo da parte dei Carabinieri quotidianamente impiegati in servizi disposti dal Comando Provinciale di Avellino, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

E proprio durante tali servizi, i Carabinieri avevano già proceduto al controllo di due di loro mentre di giorno accompagnavano le loro donne che, verosimilmente con la scusa di chiedere l’elemosina e vendere accendini e fazzoletti di carta, avevano probabilmente effettuato veri e propri sopralluoghi individuando le case da colpire.

L’attività investigativa sviluppata dai militari della Compagnia di Montella e delle Stazioni di Nusco e Volturara Irpina, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché di video dalle telecamere di tutta la zona e l’analisi degli elementi raccolti in sede di sopralluogo, ha permesso di identificare i tre stranieri, un 28enne e due 27enne senza fissa dimora e con a carico svariate segnalazioni per reati contro il patrimonio

Alla luce degli univoci elementi di colpevolezza, per i tre soggetti sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Capo Dott. Rosario Cantelmo, ritenuti responsabili del reato di furto aggravato.

Sono in corso indagini da parte dell’Arma tese ad accertare l’eventuale coinvolgimento dei medesimi in ulteriori analoghi episodi.