Edilizia scolastica

Superamento del Patto di Stabilità, Mocella: Per l’Irpinia si liberano 20 milioni

AVELLINO – Venti milioni da sbloccare dagli avanzi di bilancio per opere infrastrutturali.

Fiera Di Calitri prova

A tanto ammonta, secondo il presidente di Confartigianato Campania e di Confartigianato Avellino, Ettore Mocella, la cifra che sarà a disposizione dei Comuni una volta superato il Patto di Stabilità, come si legge nella bozza della Legge di Stabilità del prossimo anno.

“Ciò consentirà di liberare risorse per pagamenti e investimenti degli enti locali – spiega Mocella – con ripercussioni positive per le piccole e medie imprese e per il settore artigiano. Tutto, ovviamente, dipenderà dalle risorse effettive nelle casse di ciascun Comune”.

“In questo modo – aggiunge Mocella – si liberebbero anche notevoli risorse che gli enti locali hanno in cassa ma non possono essere impiegate per saldare i debiti con le aziende. Una situazione di impasse che ha creato non poche conseguenze negli anni, sia dal punto di vista economico che sociale. Basti pensare che, paradossalmente, alcune realtà imprenditoriali hanno chiuso battenti non per debiti ma per i crediti accumulati con le pubbliche amministrazioni”.  Ettore Mocella Confartig

Secondo dati elaborati dall’Ifel dal 2016, a livello nazionale, i fondi a disposizione ammonterebbero a circa 2,2 miliardi di euro.

“Tanti Comuni della provincia di Avellino dimostrano di essere virtuosi nella gestione finanziaria. Con l’approvazione della manovra e l’addio al Patto di Stabilità ci troveremmo di fronte ad uno scenario nuovo, che impone scelte mirate per investire al meglio questi soldi (immaginiamo, in primis, la ristrutturazione e la messa in sicurezza dei plessi scolastici) e che tenga nella debita considerazione la professionalità e la qualità delle imprese locali”, conclude il presidente Mocella.