evacuo

L’Avellino affonda a Novara, la squadra di Tesser mai in partita

NOVARA – Non ci sono parole per descrivere il primo tempo dell’Avellino a Novara, non c’è stata partita. La squadra di Tesser prende quattro sberle e fa riaffiorare, in un sol colpo, i fantasmi di inizio stagione.

pa_banner

Tanto equilibrio e poche emozioni nei primi minuti di gara poi, al 18’ il gol che ha cambiato definitivamente volto alla partita. L’Avellino gestisce male una punizione a proprio favore, Viola innesca il contropiede di Nadarevic che tutto solo finalizza di sinistro sull’uscita di Frattali. 1-0 per il Novara e blackout totale per i biancoverdi che da questo momento in poi, non ne azzeccano una.

Come se non bastasse, sui Lupi si abbatte anche la furia dell’arbitro La Penna che annulla un gol regolare a Castaldo, decreta un rigore inesistente a favore del Novara e, con la complicità del primo assistente, non vede un fuorigioco netto di Evacuo che, dopo il rigore sbagliato, segna il gol del raddoppio. Il comportamento del direttore di gara, tuttavia, non può costituire un alibi per l’Avellino che ha giocato, senza alcun dubbio, la partita più brutta della stagione.

Nella ripresa i biancoverdi provano quantomeno a ridurre le distanze con una reazione d’orgoglio, complice anche l’atteggiamento del Novara che gioca al piccolo trotto. Tuttavia, c’è solo tempo per registrare l’espulsione di Pucino, reo di un netto quanto inutile pestone a Lanzafame, e una prodezza di Gavazzi che, da fuori area, segna il gol della bandiera.