meetup

San Giorgio del Sannio, il MeetUp attacca la consigliera grillina Francesca Di Maio

SAN GIORGIO DEL SANNIO – Continua la polemica interna alla galassia grillina a San Giorgio del Sannio. Attraverso una nota a firma di Elvira Santaniello, il “MeetUp Amici di Beppe Grillo” attacca duramente il consigliere comunale del M5S Francesca Di Maio.

pa_banner

“Dopo mesi e mesi di sollecitazioni – scrivono dal MeetIUp – inviate alla Consigliera pentastellata di San Giorgio del Sannio affinché dia un contributo sostanziale alla questione della carenza idrica nel nostro Comune, oggi apprendiamo da diversi giornali on line che lunedì 23 gennaio accompagnerà un parlamentare del M5S alla Procura di Avellino per un incontro con il Procuratore Cantelmo.

La nota stampa ci informa che l’esigenza di tale incontro è nata dopo che il M5S di Avellino ha ricevuto un pacco anonimo contenente contenuti ritenuti compromettenti per Alto Calore Servizi e che ad esso parteciperà la consigliera di San Giorgio, visto che si è occupata, e citiamo letteralmente “da diverso tempo, con costanza “ delle vicende relative ad ACS.

Ma è tutto vero o siamo su Scherzi a Parte? Su dai, dov’è Staffelli col Tapiro d’oro?

Premesso che speriamo il pacco contenga più del “terzo segreto di Fatima” (ovvero la soluzione a tutti i nostri problemi idrici o qualcosa che la agevoli molto) e che confidiamo nell’azione incisiva del Movimento, ma far mettere il proprio nome nell’articolo sottolineando “l’interesse costante ” con il quale l’eletta sta seguendo la questione fa davvero scompisciare dalle risate!

Ma se sono settimane, anzi no, mesi che le chiediamo di intervenire sul tema, indicandole anche le strade percorribili e lei niente… anzi, cosa fa? Va in gita scolastica in quel di Avellino mentre la comunità sangiorgese ancora non riesce a farsi una doccia decente e a tirare lo sciacquone quando serve!!!

Che abbia preferito al lavoro duro di consigliere di opposizione, la via più facile e redditizia di chi fa ricorso alla stampa per far scrivere il proprio nome in neretto e pubblicare la propria foto in compagnia di un sempre sorridente parlamentare, con una strategia di marketing da fare invidia a Renzi e Berlusconi?

Francamente, la pezza ci sembra più dannosa dello strappo!

Quando leggeremo sui giornali che la consigliera si sta impegnando in prima persona per cercare di capire dove sono finiti i fondi che avrebbero dovuti finanziare il progetto di rifacimento della rete idrica del nostro Comune, progetto inserito nel Piano delle Opere Pubbliche 2016/2018?

Quando leggeremo sui giornali che la consigliera sta cercando nell’ampio panorama dei finanziamenti europei, nazionali e regionali, fondi utilizzabili per azioni immediate sulla rete idrica del nostro Comune?

Quando leggeremo che la consigliera ha deciso di destinare i suoi gettoni dei Consigli Comunali e delle Commissioni Consiliari per l’eventuale installazione di quel serbatoio di accumulo aggiuntivo di cui tanto si parla in paese? Certo sarebbe stata un’azione di forte valore simbolico, vista l’esiguità del valore economico, ma sarebbe stata perfettamente in linea con i valori del Movimento, quei valori per i quali i cittadini sangiorgesi l’hanno votata!!!

Quando, e soprattutto dove, leggeremo che sono state pubblicate tutte le attività del M5S a San Giorgio ?

Ad oggi l’unico organo ufficiale di informazione dell’attività della consigliera è l’albo pretorio del Comune, unico luogo dove si può prendere visione delle interrogazioni e delle risposte date dall’amministrazione.

Se questa è una consigliera del M5S – concludono – c’è sicuramente qualcosa che non va”.