elezioni provinciali benevento

Elezioni provinciali Benevento, finisce in parità: i nomi degli eletti

BENEVENTO – Finiscono con un risultato di parità le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Benevento. Cinque consiglieri per il centrosinistra e cinque per il centrodestra.

pa_banner

Com’è noto si è trattato di un’elezioni di secondo grado, alla quale, cioè, hanno partecipato sono i consiglieri comunali.

Alle urne si è recato il 90.56% degli aventi diritto, cioé 768 su 848 amministratori locali.

Questi gli eletti alla Rocca dei Rettori per i prossimi due anni:

PER IL CENTRODESTRA – Carmine Montella (sindaco di Paolisi – Forza Italia); Luigi De Nigris (consigliere comunale di Benevento – Lista Noi Sanniti per Mastella); Claudio Cataudo (sindaco di Ceppaloni – Lista Noi Sanniti per Mastella); Angela Papa (consigliere comunale di Montesarchio – Lista Noi Sanniti per Mastella); Giuseppe Bozzuto (consigliere comunale di Castelpagano – Lista Noi Sanniti per Mastella);

PER IL CENTROSINISTRA – Francesco Maria Rubano (presidente Consiglio Comunale di Puglianello – Benevento Popolare); Giovanni Campobasso (consigliere comunale Montesarchio – Pd); Renato Lombardi (consigliere comunale Sant’Agata de’ Goti – Pd); Giuseppe Ruggiero (consigliere comunale Foiano di Val Fortore – Riformisti per il Sannio); Giuseppe Di Cerbo (sindaco di Amorosi – Riformisti per il Sannio).

LE REAZIONI: Per il segretario provinciale del Partito Democratico, Carmine Valentino, si è trattato di un risultato straordinario: “Il risultato per le elezioni del Consiglio provinciale è straordinariamente importante per il futuro del nostro Sannio.  Ancora una volta, dopo la recente affermazione del Partito Democratico nelle elezioni per l’Ente idrico campano, i numeri parlano chiaro.

Il Pd – continua Valentino – conserverà la sua maggioranza alla Provincia di Benevento,  in un contesto completamente mutato rispetto a due anni fa e senza avere i favori dei pronostici,  con 5 Consiglieri eletti (2 con la lista Pd, 2 con la lista Riformisti per il Sannio e 1 con la lista Benevento Popolare) su 10 componenti dell’Assise.

Il Partito Democratico con il suo 42% (somma delle due liste in campo Pd e Riformisti per il Sannio) con il circa 10% della lista ‘Benevento Popolare’ ci consegna un dato inequivocabile: la maggioranza assoluta, pari al 52%, è il vero risultato conseguito tra non poche difficoltà ed ostacoli, tra defezioni, disimpegni e voltagabbana dell’ultima ora che certamente non hanno ragione politica d’essere! Non siamo per la caccia alle streghe ma per una lettura asettica di un dato non trascurabile che per quanto ci riguarda non è il punto di arrivo ma una ulteriore tappa in un percorso ambizioso e concretamente consolidato.

Agli eletti e al presidente Claudio Ricci va l’augurio personale, dell’intera segreteria provinciale Pd e di tutti i democratici e le democratiche sannite per un lavoro proficuo e determinante per la nostra terra”.

Per il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, straordinario è il risultato della lista “Noi Sanniti”: “Ritengo straordinario il risultato ottenuto dalla lista Noi Sanniti alle elezioni provincialie sono orgoglioso del fatto che siamo riusciti ad esprimere l’unica donna eletta nel nuovo Consiglio provinciale e l’unico rappresentante della città di Benevento. Voglio, poi, ringraziare tutti i grandi elettori che ci hanno votato, a partire da quelli dell’UDC che, non avendo una propria lista, ci hanno sostenuto e tutti i candidati che si sono impegnati strenuamente per consentire un ulteriore e straordinario passo in avanti nella marcia di avvicinamento alla conquista del potere provinciale”.

Il Pd con acrobazie pirotecniche, spettacolari e fantasmagoriche grida al successo, voglio ricordare che in precedenza aveva 6 consiglieri e ora solo 4, mentre noi ne avevamo 1 e ora siamo saliti a 4. Dati che consentono a chiunque di giudicare chi ha vinto e chi ha perso queste elezioni. A prescindere dagli argomenti pseudo linguistici di qualche tardo esponente della periferia della provincia di Benevento, la realtà dei fatti è questa”.

“Dopo aver ottenuto questo straordinario risultato – conclude Mastella – ora puntiamo a vincere a conquistare la Provincia. Quando saremo chiamati a votare il prossimo presidente, presenteremo un candidato alternativo a quello attuale, sempre che il PD voglia ricandidarlo, e siamo convinti che riusciremo a farlo eleggere. La marcia di avvicinamento di Mao alla conquista del potere provinciale è inarrestabile”: