DSCN2775

Avellino basket, Sidigas pronta all’esordio: battere Sassari per continuare a sognare

RIMINI – La Sidigas Avellino si prepara all’esordio nei quarti delle Postemobile Final Eight 2017. I biancoverdi affronteranno oggi pomeriggio, alle 18.00, il Banco di Sardegna Sassari in una sfida che vale l’accesso alla semifinale e che si preannuncia infuocata.

pa_banner

La Scandone, galvanizzata dal super colpo David Logan (che potrà scendere sul parquet solo in caso di finalissima), sarà supportata da numerosi tifosi irpini che raggiungeranno la nuova sede del PalaFiera di Rimini per incitare Green e compagni.

Gli uomini di coach Sacripanti, con Cusin out e Ragland e Fesenko non ancora al top, si preparano ad affrontare molto probabilmente il team più in forma del momento. La Sassari di coach Pasquini è infatti reduce da un’importante serie di vittorie e dopo un avvio di stagione non particolarmente brillante, è riuscita ora a trovare la giusta quadratura di squadra e potrebbe rappresentare la vera grande sorpresa di questa edizione.

Un roster lungo e competitivo quello del Banco, che può contare su uomini di grande esperienza europea (come Stipcevic e Savanovic), su cestisti dotati di un eccellente talento (è il caso del lungo Gani Lawal, del neo acquisto David Bell, dell’ala americana Josh Carter e degli ex Pesaro Lacey e Lydeka) e su un gruppo di italiani particolarmente collaudato ed affidabile (composto da Brian Sacchetti, Giacomo Devecchi e Lorenzo D’Ercole).

Come i due match che hanno aperto la competizione nella giornata di ieri (con Reggio e Milano che hanno conquistato il pass di accesso alla semifinale sul filo di lana, contro Capo d’Orlando e Brindisi), anche le sfide di oggi (ed in particolare quella fra il team irpino e quello sardo) si preannunciano estremamente equilibrate ed incerte.

La Sidigas, durante tutto il corso di questa stagione, ha sempre dimostrato di poter competere con tutti anche in condizioni particolarmente delicate e complesse. I biancoverdi, nonostante un periodo non particolarmente brillante, faranno sicuramente di tutto per vendere cara la pelle, con lo stesso coach Sacripanti che ha annunciato nuove probabili nuove situazioni tattiche per fra fronte all’emergenza.

La Scandone è sempre stata particolarmente legata a questo genere di manifestazione: la Coppa Italia vinta nel 2008 dall’allora Air allenata da coach Matteo Boniciolli, rappresenta tuttora uno dei punti più alti raggiunti dalla società di pallacanestro irpina. Alle Final Eight sono inoltre legati alcuni dei migliori momenti vissuti dai biancoverdi (basti pensare al 2010, quando la kermesse venne ospitata proprio al PalaDelMauro di Avellino, o all’anno scorso, quando la Sidigas di Nunnally e Ragland conquistò la finale contro i padroni di casa dell’Olimpia Milano).