libera

Arma dei Carabinieri e Libera, incontri nel Sannio per parlare di legalità

RED. – Il 14 dicembre scorso, il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, generale di Corpo d’ArmataTullio Del Sette e don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione “Libera– associazioni e numeri contro le Mafie” hanno firmato un protocollo d’intesa per lo sviluppo di una cooperazione nella prevenzione e nel contrasto alla criminalità organizzata, mediante la promozione, tra l’altro, di attività divulgative e culturali.

pa_banner

L’accordo costituisce una significativa opportunità per lo sviluppo di sinergie inter-istituzionali a favore dei giovani e per l’affermazione e il consolidamento della cultura della legalità e dei relativi principi e valori umani fondanti.

Gli obiettivi prefissati saranno conseguiti tramite il plusvalore derivante dall’impegno congiunto di due Istituzioni tradizionalmente vicine al cittadino con particolare riferimento a: un’Associazione (“Libera”),impegnata da anni nel sostegno alle vittime della criminalità organizzatae nello sviluppo di iniziative sociali e culturalia favore della legalità, avvalendosi anche di modelli ed esempi positivi in grado di ispirarel’onesto agire quotidiano; una Forza Armata (l’Arma dei Carabinieri), ancorata alla storia dell’Italia e ai valori della Repubblica, ed impegnata, da sempre e capillarmente, nel rispetto della legge e nel mantenimento della sicurezza pubblica e della pacifica convivenza.

Nell’ambito di tale collaborazione, la sede beneventana di “Libera” e il Comando Provinciale dei Carabinieri di Benevento, dal mese di marzo, hanno programmato – di intesa con numerosi Istituti scolastici della provincia sannita – una serie di iniziative culturali e divulgative improntate a visite guidate alle caserme dell’Arma e a conferenze e confronti dialettici con i giovani.

In particolare, i suddetti incontri saranno “arricchiti” dalla testimonianza dei cittadini che si sono opposti all’illegalità e dal contributo degli esperti dell’Arma nel contrasto alle illegalità emergenti (Carabinieri forestali, militari del Comando Tutela Patrimonio Culturale e del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità).