Raffaele Scarinzi, sindaco di Vitulano

INTERVISTA | Vitulano, il sindaco risponde a Mastella: Di inaccettabile c’è solo la violazione delle regole

VITULANO – Abbiamo intervistato telefonicamente il sindaco di Vitulano, Raffaele Scarinzi, per fare il punto sulla vicenda immigrati che ha proiettato il centro sannita alla ribalta della cronaca nazionale.

Fiera Di Calitri prova

Sindaco in questo momento com’è la situazione a Vitulano?

In questo momento la situazione è assolutamente tranquilla e sotto controllo. Abbiamo raggiunto un accordo con la Prefettura e in questo modo abbiamo fatto sì che venissero rispettate le regole.

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha parlato di metodo inaccettabile con cui è stata revocata l’assegnazione dei 34 immigrati…

Non so a cosa si riferisca Mastella. Per quanto mi riguarda di inaccettabile vi è solo la violazione delle regole, soprattutto quando viene palesemente stralciato un accordo firmato dall’Anci e dal Ministero.

Quindi lei rivendica la modalità con la quale si è proceduto a chiudere la strada di accesso al centro?

Certo, la rivendico. Ma, ripeto, rivendico soprattutto la possibilità di poter dire chiaramente che tutti sono chiamati al rispetto delle regole.

Lei, esponente del Pd, non si sente un po’ in imbarazzo per il post  di endorsement di Salvini?

Devo essere sincero: sì, quel post mi ha creato un po’ di imbarazzo, ma credo che tutto rientri in un gioco delle parti. Salvini prova a fare il suo gioco, non conoscendo la realtà di Vitulano. Comunque la mia è stata una decisione a tutela della comunità, non c’entra nulla con la politica di Salvini.

Quanto accaduto in questi giorni avrà ripercussione sul progetto S.P.R.A.R. in corso a Vitulano?

Vitulano è una comunità accogliente, il problema non sono gli immigrati ma il rispetto delle regole. Il progetto S.P.R.A.R. continuerà ad andare avanti senza alcun tipo di problema.