DSCN2775

Avellino basket, la Sidigas cade a Venezia: il primo round del derby di Champions è della Reyer

VENEZIA – La Sidigas Avellino cade sul parquet della Reyer Venezia nell’attesissimo derby italiano degli ottavi di Fiba Basketball Champions League. Gli uomini di coach Sacripanti escono sconfitti dal PalaTaliercio con il risultato di 53-49.

pa_banner

Ora, per conquistare l’accesso ai quarti di finale della kermesse europea targata Fiba, i biancoverdi dovranno vincere la sfida sul parquet casalingo in programma mercoledì prossimo e contemporaneamente ribaltare il -4 accumulato nella sfida in trasferta di questa sera.

Buon primo tempo per la Scandone che però è crollata nelle battute finali del match (solo quattro punti nell’ultima frazione di gioco per gli irpini), complici diverse palle chiave perse dagli uomini di coach Sacripanti. Punteggio bassissimo, in una sfida accesa e combattuta (ma caratterizzata anche da tantissimi errori). La Sidigas paga, oltre alle palle perse ed un ultimo periodo da incubo, anche una deficitaria percentuale da 3 punti ed un Logan non ancora perfettamente inserito negli ingranaggi del gruppo biancoverde.

Scandone sul parquet con Logan, Ragland, Thomas, Leunen e Fesenko: Obasohan ancora una volta in tribuna come già successo nel match di Brescia.Buon avvio per i biancoverdi che con Logan, Ragland e l’alley oop di Fesenko si portano subito sul +6 (2-8 al 4′). De Raffaele prova a limitare i danni chiamando time out, ma la Sidigas appare più reattiva dei padroni di casa e con i canestri di Randolph e Zerini piazza ancora un buon parziale (9-18 all’8′). McGee e Filloy provano a ridurre il gap per i lagunari che chiudono però la prima frazione di gara ancora sotto nelnel punteggio (12-18 al 10′).

La Sidigas difende benissimo e con Ragland e la tripla di Randolph (dopo una splendida circolazione di palla) trova anche la doppia cifra di vantaggio (14-28 al 15′): la Reyer fatica enormemente a trovare la via del canestro e perde nettamente la sfida a rimbalzo con i biancoverdi (20-11 per gli ospiti). Peric e McGee interrompono il digiuno veneziano e limitano lo svantaggio accumulato dai padroni di casa: si torna negli spogliatoi con gli uomini di coach Sacripanti sul +8 (22-30). Da segnalare le pessime percentuali dalla linea dei 6,75 di entrambi i team (addirittura 1/12 per Avellino).

Proseguono le difficoltà nel tiro da 3 per i biancoverdi che continuano a sparare a salve dalla linea del tiro pesante: Ragland e compagni si affidano quindi a Fesenko e Ragland continuare a muovere la retina e segnare con continuità (30-36 al 25′). Le due triple consecutive messe a segno da Leunen fanno ritrovare confidenza con il tiro da 3 alla Sidigas e la giocata di Randolph in contropiede (su una banale palla persa dai padroni di casa) riporta la Scandone sul +8 al minuto 29 (37-45). Il gioco da 3 di Ejim riaccorcia le distanze per gli orogranata che chiudono il terzo quarto a -5 (40-45).

Troppe palle perse in avvio dell’ultima frazione di gioco per Avellino (ed un fallo inutile di Randolph ad un secondo dal termine di un’azione decisiva) consentono alla Reyer agguantare per la prima volta nel match il pareggio (47-47 al 34′). Dopo diversi minuti con errori da entrambi le parti, Venezia piazza addirittura il sorpasso grazie al canestro di Filloy (51-49 al 39′). Fesenko sbaglia un facile lay up e i padroni di casa ne approfittano con Peric per chiudere sul +4 (53-49): la Reyer Venezia batte la Sidigas e trionfa nel primo round di questi ottavi di Fiba Basketball Champions League.

TABELLINO: UMANA REYER VENEZIA – SIDIGAS AVELLINO 53-49
Parziali: 12-18, 10-12, 18-15, 13-4
Venezia: Haynes 6, Hagins 8, Ejim 6, Peric 11, Bramos 3, Visconti ne, Miaschi ne, Filloy 5, Ress, Ortner 4, Viggiano, McGee 10.
Avellino: Zerini 2, Ragland 11, Green, Logan 2, Esposito M. ne, Esposito L. ne, Leunen 9, Severini ne, Randolph 11, Fesenko 10, Thomas 4, Parlato ne.