DSCN2787

Avellino basket, fine dell’incubo per la Sidigas: i biancoverdi battono Reggio e tornano alla vittoria

REGGIO EMILIA – Dopo cinque sconfitte consecutive la Sidigas Avellino torna alla vittoria battendo all’overtime, dopo un match da antologia, la Grissin Bon Reggio Emilia. 90-89 per gli uomini di coach Sacripanti il risultato finale dal PalaBigi.

pa_banner

Grandissima prestazione offensiva per i biancoverdi che trovano in Thomas (24 punti) e Fesenko (21 punti) le principali bocche da fuoco in attacco. Decisivo anche il quarto quarto di Logan (16 punti) e la prova di grande leadership offerta da Leunen (che riscatta le ultime uscite incolori) e Green (6 assist ed addirittura 8 rimbalzi per il folletto biancoverde).

La Grissin Bon è invece trascinata da un superlativo Aradori (31 punti) e da un ottimo Riccardo Cervi (20 punti e 6 rimbalzi), grande ex di giornata.

Quintetto tutto italiano per Reggio Emilia con De Nicolao, Della Valle, Aradori, Polonara e Cervi; Avellino risponde invece con Green fra i cinque iniziali (Ragland non convocato per gli ormai noti problemi alla spalla) e Logan dalla panchina. Buon primo quarto per gli irpini (nonostante qualche palla persa di troppo e diverse disattenzioni) che trovano, grazie ad in un ispiratissimo Thomas (10 punti), una discreta fluidità in attacco: la Grissin Bon risponde con i 9 punti di Aradori e i 4 dell’ex biancoverde Riccardo Cervi. Prima frazione che termina con Avellino a +5 (15-20).

In avvio di secondo quarto prosegue l’eccellente momento offensivo della Sidigas che con un attivissimo Obasohan (vittima designata del turnover dopo l’approdo in canotta biancoverde di David Logan) vola su sul +7 (17-24 al 13′). Settima palla persa per Reggio Emilia ed è ancora la coppia Thomas-Obasohan a firmare il momentaneo +12 per la Scandone (19-31 al 14′). Cervi e Williams provano a limitare i danni per i padroni di casa che risalgono sul -8, ma è solo un lampo estemporaneo per gli uomini di coach Menetti che commettono numerosi errori e permettono alla Sidigas di riportarsi in avanti (25-38 al 17′). Blackout (come troppo spesso accade) per Green e compagni negli ultimi minuti del secondo periodo e la Grissin Bon ne approfitta per piazzare un pesante break (11-3), limitato però dai liberi messi a segno da di Leunen: si va negli spogliatoi con Avellino a +5 su Reggio (36-41).

Avvio scoppiettante di terzo quarto per entrambi i team, ma Reggio è più reattiva: Della Valle e Polonara si scatenano e firmano il +3 per i padroni di casa. La Scandone ricorre alla zona, con la partita che si fa ora più dura ed equilibrata: i biancoverdi si risvegliano ed impattano il pareggio, ma Reggio riesce comunque a chiudere in vantaggio la terza frazione sul punteggio di 56-54.

Nell’ultimo quarto sale in cattedra David Logan per la Sidigas: l’americano, impalpabile per tre quarti della sfida, mette a segno ben 8 punti consecutivi e mantiene i suoi compagni in partita. La Scandone riesce anche a piazzare il momentaneo sorpasso grazie a Fesenko che giganteggia sotto il canestro biancorosso (65-67). Si arriva però al finale thrilling al PalaBigi con Aradori che trascina i padroni di casa al momentaneo sorpasso (68-67 al 39′), dopo una clamorosa infrazione di Green sulla rimessa e Fesenko che fa 1/2 dalla lunetta, conducendo la sfida all’overtime sul punteggio di 68-68 al termine.

Tempi supplementari che si aprono con la schiacciatona di Fesenko e la tripla, dal palleggio, da assoluto campione di Logan: la Grissin Bon non ci sta e trascinata ancora una volta da uno straordinario Aradori e dalla super giocata di Amedeo Della Valle piazzano il pari sull’87-87: Fesenko ne mette solo uno dalla lunetta e Della Valle porta nuovamente la Reggiana sull’89-88. La giocata di Thomas riporta sul +1 Avellino con gli uomini di coach Menetti che falliscono l’ultimo e decisivo tap in a canestro che avrebbe potuto consegnare la vittoria ai padroni di casa. La Scandone espugna, dopo 45 intensi minuti, il PalaBigi di Reggio Emilia e torna alla vittoria dopo cinque sconfitte consecutive.