borghi

Progetto Pilota, sì a strategia e schede. Borghi: Tornerò per l’approvazione dell’Apq

NUSCO – “Oggi è un passaggio fondamentale in vista dell’obiettivo finale. La prossima volta che tornerò qui sarà per la firma ell’Accordo di Programma Quadro”.

Fiera Di Calitri prova

Enrico Borghi, consigliere del governo per la Strategia delle Aree Interne, promuove l’approvazione all’unanimità, da parte dell’assemblea dei venticinque sindaci del Progetto Pilota, della proposta di Strategia definitiva, messa a punto dopo due anni di lavoro dai tecnici della Regione, coordinati dal referente della SNAI Domenico Liotto, e del Formez.

“A settembre – ha proseguito Borghi, che  intervenuto a valle della discussione tra sindaci -, quando sono stato qui, ho fatto un appello robusto alla concretezza. Bene, da oggi finalmente abbiamo le carte sulle quali poter lavorare”. Stando a quanto trapela, l’ok definitivo alla Strategia approvata oggi arriverà in settimana dal ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti. “Oggi stesso – ha aggiunto Borghi – sarò a Roma da De Vincenti, al quale relazionerò sui lavori e con il quale farò il punto della situazione”. I primi cittadini, con la sola astensione del sindaco di Calitri, Michele Di Maio, hanno approvato anche le schede, seppur con dei distinguo. La giornata è stata poi conclusa con la firma dei sindaci in calce alla convenzione per i servizi tecnologici dei comuni (capofila il Comune di Torella dei Lombardi), oltre all’avvio della rete dei beni culturali, museali e naturali.

Michele DI Maio, sindaco di Calitri, con Domenico Liotto
Michele Di Maio, sindaco di Calitri, con Domenico Liotto

Nella discussione ha avuto larga eco la questione relativa ai fondi, su cui sono intervenuti sia lo stesso Borghi che il presidente della Comuità dell’Alta Irpinia, Ciriaco De Mita. “La corposità dei finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Campania – ha affermato De Mita – ci ha permesso di immaginare tutta una serie di obiettivi. Ai 3,7 milioni provenienti dallo Stato per ogni area pilota e che noi avremmo voluto destinare alla sanità, si sono aggiunti i duecento milioni di cui il governatore De Luca è venuto a parlare un mese fa. Siamo orgogliosi di aver affidato a un ente esterno e pubblico (Invitalia, ndr) la gestione di tutti questi fondi”. Il sindaco di Nusco ha poi esortato i sindaci a “evitare di sollevare dubbi, cercando di misuarci insieme non sui singoli desideri ma sull’indicazione di un possibile risultato”. Durante la discussione, alcuni primi cittadini hanno manifestato delle perplessità sulla composizione delle singole schede. Su questo, De Mita ha voluto chiarire: “Approviamole, poi in corso d’opera potremo operare delle modifiche in base a quanto riteniamo maggiormente utile per il territorio”.

Sui finanziamenti è intervenuto anche Borghi, il quale ha affermato che “i finanziamenti potrebbero non essere soltanto quelli a cui ha fatto riferimento il presidente. “Si possono attivare ulteriori risorse statali che esistono. Oggi lo Stato – ha proseguito il deputato del Partito Democratico – ha impegnato 13 miliardi di euro sul Pon Governance: fondi accantonati per migliorare la pubblica amministrazione.  Un pezzo di quelle risorse potrà essere destinato al capitolo delle aree pilota”.