lago matese

Parco Nazionale del Matese, da Guardia Sanframondi si chiede di allargare la perimetrazione

GUARDIA SANFRAMONDI – Lo avevamo scritto appena pochi giorni fa. L’imminente istituzione del Parco Nazionale del Matese “solletica” l’interesse di diversi comuni, intenzionati ad entrare a far parte della nuova istituzione.

pa_banner

La discussione, ad oggi, si focalizza su quella che dovrà essere la nuova perimetrazione del Parco Nazionale del Matese. La proposta di perimetrazione è stata elaborata da Legambiente e presentata ad un convegno tenutosi a Piedimonte Matese il 27 aprile scorso.  Ad essere coinvolte saranno due regioni, Campania e Molise, e quattro province, Benevento, Caserta, Isernia e Campobasso.

Da Guardia Sanframondi era partita da tempo la richiesta formale di allargamento della perimetrazione. Il sindaco di Guardia Sanframondi, già nel mese di dicembre 2016, aveva chiesto al Presidente del Parco Regionale del Matese, Umberto De Nicola, e al Vice Presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, di ridisegnare i confini del futuro Parco Nazionale:

Guardia 1

Una richiesta che, nella nuova ipotesi di perimetrazione presentata da Legambiente, è stata in parte accolta. In effetti una porzione di territorio del comune di Guardia Sanframondi dovrebbe entrare a far parte del Parco Nazionale. Allo stesso modo, anche altri comuni della provincia di Benevento, che come Guardia Sanframondi non erano inseriti nel Parco Regionale, dovrebbe entrare parzialmente nella nuova perimetrazione: Morcone, Pontelandolfo, Casalduni, Sassinoro, San Lupo, San Lorenzo Maggiore.

L’obiettivo in ogni caso, ci sembra di capire, è quello di portare l’intero territorio all’interno del futuro Parco Nazionale. In questo senso anche l’invito, rivolto dal sindaco di Guardia, proprio ai comuni di Morcone, Pontelandolfo, Casalduni, Sassinoro, San Lupo, San Lorenzo Maggiore a deliberare l’adesione al futuro Parco Nazionale (condizione in ogni caso necessaria per aderire al Parco).

Evidentemente anche altri comuni potrebbero essere spinti a chiedere di entrare a far parte del futuro Parco. La possibilità che i toni della discussione possano inasprirsi non è esclusa, dato anche l’importante risvolto economico che potrebbe esserci per i comuni che costituiranno il Parco Nazionale.

La questione in ogni caso resta aperta: i comuni che costituiranno il Parco Nazionale del Matese saranno coinvolti nella totalità del loro territorio o anche solo per una parte di questo?

ipotesi