dav

Avellino basket, vincere per continuare a sognare: Sidigas all’assalto di Venezia in gara 4

AVELLINO – È il giorno di gara 4 fra Sidigas Avellino e Reyer Venezia. Palla a due alle 20:45 al PalaDelMauro di Avellino, con la Scandone in vantaggio nella serie (al meglio delle sette partite) per due vittorie ad una.

pa_banner

Una sfida, quella che andrà in scena questa sera nel palazzetto irpino, che potrebbe rappresentare un vero e proprio passaggio decisivo per l’intera serie: dopo la straordinaria vittoria in gara 3, Ragland e compagni, faranno infatti di tutto per bissare lo straordinario successo ottenuto appena quarantotto ore fa, in cui uno stupendo pubblico, unito ad una eccellente prestazione di squadra (specialmente nel secondo tempo), hanno condotto gli uomini di coach Sacripanti ad un grandissimo trionfo.

Un bis, che nel caso dovesse andare in porto, porterebbe i biancoverdi a due vittorie di distanza dai lagunari, con il team irpino che potrà avere fra le mani, nelle prossime partite, ben tre match ball per chiudere definitivamente la serie ed approdare ad una storica finale scudetto che l’intera città e provincia di Avellino hanno sognato e sognano (ora più che mai) ad occhi aperti.

La Reyer, quasi sicuramente, cambierà qualcosa rispetto alla gara di due giorni fa: De Raffaele, che ha a disposizione un roster estremamente lungo e competitivo, potrebbe propendere nell’inserimento fra i dodici di Benjamin Ortner e di Jamelle Hagins, entrambi assenti nel terzo atto della sfida. Sacripanti, che non ha ancora utilizzato Shawn Jones in questi playoff, potrebbe invece decidere di inserire proprio l’ex Hapoel per far rifiatare Kyrylo Fesenko, autentico fattore in questi playoff biancoverdi.

Ma il vero uomo in più per la Scandone, ora più che mai, sarà certamente il PalaDelMauro, pronto a trasformarsi in una spaventosa bolgia come già accaduto in gara 3: i cinquemila supporters irpini, che giungeranno da tutta la provincia nel catino di Contrada Zoccolari per questa magica serata, renderanno certamente infernale l’ambiente per i cestisti veneziani, che dovranno compiere una vera e propria impresa per cercare di impattare una serie giunta, molto probabilmente, alla sua sfida decisiva.