Carabinieri Aquilonia 2

Estorsione e aggressione, manette all’alba per tre persone in Alta Irpinia: la soddisfazione di Cantelmo

AQUILONIA – Due persone agli arresti domiciliari, un terzo sottoposto al regime della custodia in carcere a Sant’Angelo dei Lombardi.

pa_banner

E’ l’esito della brillante operazione condotta dai Carabinieri della Stazione di Aquilonia e dal Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, guidati dal capitano Ugo Mancini.

L’attività di indagine è partita a seguito della denuncia, nel mese di maggio, del titolare di un bar di Aquilonia, ed è stata resa meno complicata dalla fattiva e concreta collaborazione di alcuni cittadini, grazie ai quali è stato possibile ricostruire l’intera vicenda. Si tratta di un tentativo di estorsione finito con un’aggressione ai danni proprio dell’uomo. Due individui gli avevano intimato di consegnare loro una cospicua somma di denaro contante, minacciando, in caso di rifiuto, di dare fuoco all’esercizio. Non solo: dopo aver provato a forzare il registratore di cassa, senza riuscirci a causa dell’opposizione dell’uomo, lo avevano aggredito e malmenato, riportando varie ferite al volto per le quali aveva dovuto fare ricorso alle cure mediche con l’applicazione di vari punti di sutura.

A questo punto, è risultata decisiva l’azione di alcuni cittadini, che hanno subito avvisato i Carabinieri, chiamando il 112 e consentendo ai militari di arrivare sul posto in pochissimo tempo. E nonostante i malviventi fossero riusciti a scappare a bordo di un fuoristrada, i militari, al comando del maresciallo Angelo Lauciello, sono riusciti a prelevare elementi preziosi ai fini della loro attività di indagine. Dopo due mesi di investigazioni, infatti, si è riusciti a risalire all’identità dei tre: dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Avellino, i carabinieri hanno tratto in arresto tre persone: G.R. e M.P., entrambi di Monteverde ed entrambi incensurati, sono finiti ai domiciliari, mentre per G.M., domiciliato a Lacedonia e con precedenti penali, si sono aperte le porte del carcere di Sant’Angelo dei Lombardi.

La Stazione dei carabinieri di Aquilonia
La Stazione dei carabinieri di Aquilonia

Il Capo della Procura della Repubblica di Avellino, Rosario Cantelmo, ha voluto complimentarsi con l’Arma per “l’attenta e qualificata attività condotta”, che ha permesso non soltanto di giungere all’identificazione dei due soggetti autori della tentata estorsione e dell’aggressione, ma anche di accertare che gli stessi avevano agito su specifica richiesta ed incarico di una terza persona, che lamentava il mancato pagamento di alcune merci. Cantelmo ha voluto poi sottolineare che “l’episodio rappresenta ulteriore esempio e evidente testimonianza del fondamentale e determinante ruolo i cittadini possono – e devono – avere nel partecipare alla tutela della sicurezza pubblica”.