pasquale Innarella 1 foto di Max De Dominicis

Tra musica e attualità, Pasquale Innarella presenta a Calitri il suo “Migrantes”

CALITRI – “Un disco che vuole essere un parallelo tra la mia storia personale di emigrato e le miriadi di storie di emigrazione che viviamo oggi”.

pa_banner

Spiega così Pasquale Innarella, lacedoniese trapiantato a Roma, l’esibizione di stasera a Calitri, a partire dalle 21:30 in Piazza della Repubblica, del Pasquale Innarella Quartet. Un appuntamento durante il quale il celebre jazzista presenterà il suo nuovo album, dal titolo fortemente significativo: “Migrantes”. “Questo disco infatti è dedicato a tutti quei popoli che sono emigrati e che continueranno ad emigrare”, spiega Innarella.

Otto brani, sei dei quali scritti proprio da Innarella, che vogliono portare a riflettere sulla delicatissima situazione che imperversa nel Mediterraneo e che riguarda da vicino l’Italia. “Sono tutti frutto di stimoli, sensazioni e riflessioni che riportano il mio ricordo di bambino di un piccolo paese irpino degli anni 60/70 che ho visto svuotarsi. Ho visto i miei compagni partire con i loro genitori, con valigie e pacchi legati da corde con dentro la loro storia. Emigravano in terre lontane: Svizzera, Germania, Francia, Australia e Stati Uniti ma anche Milano e Torino dove diventavano “I Terroni” in cerca di lavoro e fortuna. Noi restavamo sempre più pochi, le scuole si svuotavano, la piazza si svuotava, la campagna si svuotava, era un dramma per chi partiva e per chi restava.

Il Pasquale Innarella Quartet
Il Pasquale Innarella Quartet

Finché non sono andato via anch’io da Lacedonia, dove sono nato: ero un bambino – riflette il musicista -, e quella terribile esperienza ha inevitabilmente segnato la mia vita. Ora questo sta accadendo per decine di migliaia di persone che arrivano da un altro mondo, e la cosa non può lasciare indifferenti. Abbiamo vissuto, viviamo e secondo me sempre vivremo una condizione di migrazione – spiega il musicista nato a Lacedonia -, per cui provo a mettere in musica quello che sento e che penso. I miei brani non hanno parole, il mio unico modo per comunicare è la musica, e cerco di sfruttarlo appieno”.

Pasquale Innarella
Pasquale Innarella

Oltre allo stesso Innarella al sax tenore, sul palco saranno presenti Francesco Lo Cascio al vibrafono, Mauro Nota al contrabbasso e Roberto Altamura alla batteria: verranno chiaramente riproposti anche altri pezzi del repertorio del musicista, considerato tra i dieci migliori sassofonisti d’Italia. “”. L’appuntamento rientra nel vastissimo programma “Estate 2017” che il Comune di Calitri ha organizzato insieme alle oltre venti associazioni che agiscono sul territorio calitrano. Un cartellone che vedrà il suo naturale apice dal 21 al 27 agosto, con lo Sponz Fest.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.