Bancomat esploso Bisaccia

Bancomat sventrato a Bisaccia, la pista porta in Puglia. Arminio: Le autorità si impegnino per la sicurezza

BISACCIA – Ha fatto molto rumore, e non soltanto dal punto di vista acustico, il colpo di due notti fa a Bisaccia (leggi qui).

pa_banner

Il bancomat della filiale della Banca Popolare di bari di via Caravaggio sventrato con del tritolo ha infatti lasciato sgomenti per l’accuratezza dei dettagli. Proprio a partire da questo, i carabinieri della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, guidati dal capitano Ugo Mancini, stanno attentamente vagliando, come già avevamo anticipato, le immagini delle telecamere a circuito chiuso sia della banca stessa che di altre attività della zona.

La natura del colpo ha subito fatto pensare a una banda di professionisti – tutti a volto coperto -, che conoscevano bene la zona, magari per esserci stati nei giorni precedenti per qualche sopralluogo. Dopo l’esplosione e la cattura del denaro (57mila euro in banconote non sporcati dal sistema di macchiatura, che quel bancomat non possiede) i delinquenti si sono allontanati a bordo di una Bmw nera, e in pochissimo tempo hanno fatto perdere le proprie tracce.

I militari, coadiuvati dai colleghi del reparto operativo di Avellino, sembrerebbero propendere per la pista pugliese. Inoltre, va detto che le modalità utilizzate sono le stesse di altri colpi, alcuni dei quali – come quello alla Banca Popolare di Bari dello scorso mese di settembre – falliti, perché il bancomat non ha ceduto all’esplosione. Intanto, dal sindaco di Bisaccia Marcello Arminio giunge un appello, all’apice di un periodo in cui si sono registrati anche furti di auto e in abitazione: “Le istituzioni devono garantire la sicurezza dei cittadini. A breve – afferma Arminio -, convocheremo una riunione con i colleghi sindaci e con gli enti sovracomunali per fare il punto della situazione”.