La mostra prima dell'apertura

GALLERIA | Lacedonia, taglio del nastro per il MAVI. Cancian: Grazie a chi ha reso possibile tutto questo

LACEDONIA – Si è tenuta nel tardo pomeriggio di ieri l’inaugurazione del Museo Antropologico Visivo Irpino.

pa_banner

A procedere col taglio del nastro, il sindaco di Lacedonia Antonio Di Conza e il professor Frank Cancian, arrivato a Napoli da Parigi.

Visibilmente emozionato sin dall’ultima curva che, salendo dalla A16, gli ha schiuso la vista del paese, Cancian è intervenuto brevemente e, in un misto di italiano e castillano, ha voluto rivolgere un pensiero “a tutti coloro che hanno lavorato per il MAVI. Grazie, mille Redgrazie!”, ha affermato il professore.

Ringraziamenti sono arrivati anche dal sindaco Antonio Di Conza, che ha voluto ricordare come “l’importanza della fotografia riesca, nei tempi moderni, a mostrare ancora tutta la sua potenza iconografica e la sua capacità, è proprio il caso di dirlo, di fermare il tempo”. Non potevano mancare citazioni a quel gruppo di cittadini lacedoniesi che hanno fortemente premuto per la realizzazione del museo. Di quest’ultimo, dei suoi scopi e della sua organizzazione ha voluto parlare il direttore Antonia Pio: “Un’aula didattica, una biblioteca, due sale per mostre personali e una sala, all’ultimo piano, tutta dedicata alle 1801 fotografie di Cancian”, ha affermato la Pio.

Dopo il brindisi e la cena, la serata si è conclusa con un affollato Reading di poesie dal titolo “Un paese”, a cura del professor Rocco Pignatiello, presso i giardini del MAVI: letture sull’importanza delle radici da parte di Paolo Speranza, Aldo Vella, Michele Miscia, Maria Tartaglia, Claudia Tanga e Marilinda Donatiello, con sottofondo musicale di Nicola Pignatiello.

Frank Cancian, il sindaco Di Conza e Antonia Pio, direttore del MAVI
Frank Cancian, il sindaco Di Conza e Antonia Pio, direttore del MAVI

Ricco programma anche quest’ogg. Dalle 11, presso la Chiesa di San Filippo, si terrà un incontro pubblico dal titolo ”Sono un fotografo con un punto di vista”: si tratterà in maniera analitica e tecnica il progetto “Milleottocento e 1 passaggi”. Coordinati dal giornalista Leandro Pisano, interverranno Frank Cancian, Annalisa Cervone, Salvatore Di Vilio, Michele Mari, Aldo Colucciello, Nicola Loviento e Federico Iadarola.

Alle 17, i Giardini dell’Istituto Magistrale ospiteranno un dibattito dal titolo “Il MAVI e l’importanza della rete museale nelle aree interne”, al quale saranno presenti rappresentati istituzionali regionali, del mondo delle Pro Loco, il presidente della Comunità dell’Alta Irpinia, Ciriaco De Mita, e i sindaci dei comuni.

A seguire, la premiazione del concorso “Milleottocento e 1 passaggi – Un paese italiano 2017”, mentre alle 22 andrà in scena il “dj set and cooking-set” di Dub&Patan – roots, culture and militant food.