LAPR0074

Ghemon incanta il pubblico dell’Ariston con una strofa inedita. Un pezzetto d’Irpinia sul palco di Sanremo

Il rapper avellinese ieri sera è stato protagonista della 68esima edizione del Festival della Canzone Italiana, nella serata dedicata ai duetti insieme a Roy Paci e Diodato.

pa_banner

1516901417102.jpg--

 

L’ingresso del rapper irpino Ghemon nel pezzo di Diodato e Roy Paci “Adesso” è stato senza alcun dubbio uno dei momenti più belli della serata dei duetti del Festival di Sanremo.

“Il duetto con Ghemon che conosciamo da tanto tempo – raccontano i due big in gara – è una cosa che ci è piaciuta tantissimo”.

Gianluca Picariello, in arte Ghemon, rapper di Avellino, ieri sera è stato ospite dei due artisti sul palco dell’Ariston aggiungendo una strofa inedita scritta di suo pugno alla canzone “Adesso”. Questa esibizione era sicuramente tra le perfomance più attese della quarta serata e non ha deluso le aspettative, anzi, la loro versione a tre ha convinto pubblico e sala stampa. Un pezzetto d’Irpinia dunque al Festival di Sanremo.

Ghemon, classe 1982, è considerato uno dei più talentuosi e apprezzati artisti hip hop italiani. La sua carriera iniziata nel 2007 con La rivincita dei buoni è sbocciata nel 2014 con il fortunato ORCHIdee. La sua musica si è evoluta negli anni, Ghemon oggi non è più solo un rapper ma un artista di una sensibilità rara. E’ maturato, canta bene, ha uno stile personalissimo ed originale, e un genere tutto suo.

Reduce dalla pubblicazione del nuovo disco Mezzanotte, nel mese di marzo uscirà il libro “Io Sono – Diario anticonformista di tutte le volte che ho cambiato pelle”, edito per HarperCollins, dove il cantautore avellinese si racconta e mette a nudo le proprie emozioni. Oggi è in vetta alle classifiche con “Un temporale”, il singolo che lancia il nuovo album, ma ha trascorso momenti difficili.

“Se c’era una possibilità per me di andare a Sanremo era così – scriveva il rapper irpino sul suo profilo Facebook qualche giorno fa – con persone e artisti che stimo, su un brano che ritengo molto bello, a cui mi è stato chiesto di aggiungere un tocco personale. Cosi, invece, è una cosa super. Perciò dico grazie a Diodato, Roy, Claudio, Filippo, Macro e le persone che mi hanno dato carta bianca per farmi esprimere al massimo”.

ghemon

xSchermata-2018-02-09-alle-23.16.58-1-740x350.png.pagespeed.ic.Z1edXkjhlQ

3 Foto by Ottavio Fantin ®