de mita

L’Animale Politico: il film su Ciriaco De Mita approda al Festival di Cannes

Anche l’Irpinia partecipa da protagonista alla 71° edizione del Festival di Cannes che si concluderà sabato 19 maggio. L’Irpinia Film Commission, infatti, è presente alla rassegna cinematografica francese innanzitutto per farsi conoscere e per incontrare produttori, distributori e addetti ai lavori, ma anche per presentare il suo ultimo prodotto, ossia il film-documentario su Ciriaco De Mita: “L’animale politico”.

Il film è stato proiettato in anteprima il 4 febbraio scorso al “Cinema Nuovo” di Lioni in concomitanza con il novantesimo compleanno dell’ex leader democristiano. L’opera filmica, diretta da Carmine Caracciolo, presidente dell’Irpinia Film Comde mitamission, e da Roberto Flammia, si propone di ripercorrere la vita pubblica e privata di uno dei più importanti testimoni ed artefici di quell’epoca storica e politica comunemente conosciuta come “Prima Repubblica”. De Mita ancora oggi continua a far parlare di sé sia a livello locale che nazionale. Da circa 4 anni è Sindaco di Nusco, suo paese natìo, e non sono rari suoi interventi e comparse mediatiche per analizzare tematiche di grande attualità: si pensi al confronto televisivo, moderato da Mentana, con Matteo Renzi per discutere del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016; oppure alla recentissima ospitata da Fabio Fazio dove ha potuto dire la sua in merito agli ultimi risvolti politici scaturiti a seguito delle elezioni dello scorso 4 marzo. Insomma, il Presidente non ha alcuna intenzione di ritirarsi a vita privata e continua ad interessarsi dei sempre più rapidi mutamenti storici ed istituzionali che stanno interessando il nostro Paese con quella curiosità e quella raffinata vena ironica che l’hanno sempre contraddistinto.

L’Irpinia Film Commission è alla sua terza partecipazione al Festival di Cannes: la giovanissima ed ambiziosa casa produttrice cinematografica nostrana vuole sfruttare una tale passerella internazionale per promuovere e valorizzare il patrimonio artistico e ambientale, la memoria storica e le tradizioni delle comunità d’Irpinia, nonchè le risorse professionali presenti sul territorio provinciale, creando le condizioni per attrarre nella nostra terra le produzioni cinematografiche, televisive, audiovisive e pubblicitarie italiane ed estere.