No alla secessione. Per sostenere una strategia di sviluppo nazionale occorre una macroregione del Sud.

6

Benevento – “Sosterremo la campagna elettorale del Pdl introducendo nel programma elettorale sottoscritto ad Arcore con la Lega la dimensione comunitaria della strategia macroregionale.

Se si vuole creare la macro regione del Nord, che Maroni sostiene chiudendo con la Lombardia il cerchio delle regioni del Nord a guida leghista, noi dobbiamo rilanciare lo sviluppo del Sud costruendo una macro area meridionale che blocchi le migrazioni verso il Nord di cervelli e risorse e quelle verso il Sud di speculazioni, sfruttamenti e rifiuti!

I principi ispiratori di tale processo dovranno essere quelli della politica di coesione economica, sociale e territoriale promossi dall’Ue e non certo quelli padani della secessione“.

Cosi l’On. Erminia Mazzoni rivolgendosi ai presidenti dei 32 circoli (la cui costituzione è stata sostenuta dall’On. Mazzoni alla vigilia delle “tentate” primarie del Pdl di qualche mese fa) “Gli Occidentali per Alfano” riuniti a Benevento.

Alla luce dei fatti di oggi – chiarisce la presidente della Commissione per le Petizioni del Parlamento europeo – la rete creata con quella mobilitazione, delusa dagli avvenimenti successivi, conferma una sua attualità e soprattutto una sua utilità! E la rianimeremo coinvolgendo gli oltre 160 circoli degli Occidentali creati nelle regioni del Mezzogiorno”.

Programmi, candidati, metodi e confronti non cambiano. Per l’europarlamentare “i protagonisti nelle due metà campo restano gli stessi”.

Per innescare il cambiamento, infatti, occorre agire in prima persona secondo la Mazzoni “sostenendo nella prossima campagna elettorale i punti di discontinuità sui quali fondare il proprio consenso al centrodestra”.

Il Presidente Berlusconi – conclude l’europarlamentare – ancora una volta esprime l’unica vera alternativa alla sinistra di Bersani e smaschera l’improbabile intesa con Monti“.