Quinta edizione premio Mimmo Castellano. Tanti gli Irpini intervenuti

9

CASTEL SAN GIORGIO – Si è svolta  con successo,  presso l’Aula consiliare del comune di Castel San Giorgio (SA),  la quinta edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione della Stampa Campania Valle del Sarno, di cui è Presidente, Salvatore Campitiello e Segretaria, Barbara Ruggiero, con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti e della Provincia di Salerno, intende onorare la memoria di Mimmo Castellano, già vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania e segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Castellano ha rappresentato una esemplare figura nel campo dell’informazione ed è stato promotore e attore di numerose battaglie sindacali, vinte proprio grazie all’impegno e alla tenacia con cui ha sempre affrontato i problemi della categoria. Mimmo Castellano è scomparso il 16 giugno del 2008 a Castellammare di Stabia e l’Assostampa Campania Valle del Sarno, fin dalla sua costituzione, ha inteso e intende onorarne la memoria con un premio giornalistico, arrivato quest’anno alla quinta edizione.

I premiati:

Antonio Preziosi, già direttore di Rai Radio 1 e del Giornale Radio Rai, nonché direttore ad interim di Rai GR Parlamento;
Andrea Pancani, vicedirettore del Tg La7, responsabile e conduttore di “Omnibus”, autore e conduttore de “L’Aria d’estate”;
Maria Buono, conduttrice del Tg della notte di Rainews24;
Antonio Caiazza, redattore della testata giornalistica regionale Rai – Friuli-Venezia
Giulia.

Premio giovani: Michela Anna Giulia Iaccarino, freelance, ha collaborato con La Stampa in occasione della guerra in Ucraina e con il Fatto Quotidiano seguendo l’emergenza greca ad Atene.
Premio foto-cineoperatori: Mario Marra dell’emittente televisiva regionale Telenuova.
Premio Web: Amedeo Santaniello, direttore responsabile di http://www.angri.info.
Premio speciale economia: Amedeo Sacrestano, collaboratore del Gruppo Sole 24 ore. Premio speciale medicina: Giulio Tarro, virologo, scienziato di fama internazionale, collaboratore di riviste scientifiche.
Riconoscimento speciale carriera artistica:
• Gigi Savoia, attore, seguace e cultore del grande Eduardo;
• Leonardo Ippolito, produttore della storia artistica musicale napoletana, dall’epoca di
Piedigrotta e dei Festival di Napoli.

Hanno partecipato, tra gli altri , i giornalisti irpini Sabino Ciaramella, Giuseppe Petrucciani , Massimo Spina (nella foto) ed Annamaria Picillo.